Aperitivo a Grado

Udine: incidente su A4, nel pomeriggio fino a 15 km di coda – FOTO

facebook

“L’incidente di oggi, dalla dinamica terribile, poteva avere conseguenze ancora più drammatiche rispetto a quanto accaduto che comunque non è poco: tre persone ferite seriamente. L’impatto sulla viabilità è stato devastante, con code chilometriche, congestioni e rallentamenti le cui ripercussioni si sono fatte sentire su tutta la rete e, ancor di più all’esterno dell’autostrada. E’ l’ennesima riprova – se mai ce ne fosse stato bisogno – dell’ inadeguatezza della  nostra rete autostradale”. Lo afferma, sconfortato ma anche irritato, il presidente di Autovie Venete Emilio Terpin che sottolinea di essere consapevole dei danni diretti (congestione totale della circolazione) e indiretti (dall’inquinamento ai problemi per chi è rimasto imbottigliato nelle code), provocati dal sinistro. “Una situazione pericolosa – sottolinea Terpin – che si è protratta nel tempo e rappresenta in modo inequivocabile l’indifferibilità della realizzazione della terza corsia”. Considerazioni analoghe valgono per la viabilità ordinaria, realizzata in anni in cui il traffico era sostanzialmente di prossimità.  “La rete stradale non è certamente strutturata per accogliere un flusso di traffico come quello che – in caso di incidente e conseguente chiusura dell’autostrada – si riversa sulle strade in un arco di tempo molto breve – precisa Terpin – perché la A4 a due corsie regge un flusso massimo di traffico compreso fra i 2 mila e 800 e i 3 mila transiti/ora, mentre quella ordinaria non più di  400/600. Scaricare sulla viabilità esterna 2 mila transiti all’ora – la media registrata oggi (giovedì 29 agosto) – rende inevitabile la paralisi, ma alternative non ce ne sono”. “Non posso che esprimere il mio profondo rammarico per questo ennesimo incidente e per i disagi che tutti si sono trovati ad affrontare, ma d’altra parte la situazione oggettiva è quella che è, e nessuno possiede bacchette magiche o super poteri per risolverla dall’oggi al domani”. Tornando ai problemi legati alla viabilità ordinaria, Terpin ha ribadito come la maggior parte delle strade, sia in Friuli Venezia Giulia, sia in Veneto, “attraversano i paesi e sono già soggette a transiti abbastanza elevati. A questi si somma, quando accade un sinistro in autostrada, un flusso elevatissimo (non dimentichiamoci che la media giornaliera dei transiti oscilla fra i 100 e i 120 mila mezzi), a forte concentrazione di mezzi pesanti. Non solo. Va tenuto conto che una parte degli automobilisti non conoscono il territorio e quindi, nonostante il sempre più diffuso utilizzo dei sistemi di navigazione satellitare, si trova disorientato e ciò contribuisce ulteriormente a rallentare il traffico.  “Una situazione che si ripresenta ogni volta che accade un incidente – ricorda Terpin – indipendentemente dal fatto che siano coinvolti o meno mezzi pesanti. Si chiude l’autostrada ed è il caos, nonostante gli uomini di Autovie Venete – ci tengo a sottolinearlo, diano il massimo in termini di professionalità, impegno ed efficienza, così come la Polstrada, i Vigili del Fuoco, il personale sanitario”.

incidente 29_08_2013-8 incidente 29_08_2013-5 incidente 29_08_2013-2

662