Visioni Urbane: il murales al quartiere Autora

17_09_15 in da hood 02

Una residenza artistica, un convegno a tema, un grande evento di live painting su alcune vetrine del centro città, un laboratorio per ragazzi e grandi decorazioni murali. Per “Visioni Urbane”, il progetto pensato per diffondere la creatività portando l’arte pubblica in centro e nei quartieri, è ora arrivato il momento delle prime inaugurazioni e l’occasione per fare festa.

Domani, 18 settembre alle 18.30, ai piedi della torre del condominio “Valle” in via Riccardo Di Giusto 86, alla presenza degli artisti, delle due associazioni partner del progetto, “Bravi Ragazzi” e “Macross”, ma anche di rappresentanti dell’Ater, della popolazione e delle associazioni del quartiere Aurora, il sindaco Furio Honsell, l’assessore comunale alla Cultura, Federico Pirone, e l’assessore regionale alle Infrastrutture, Mariagrazia Santoro, taglieranno il nastro per festeggiare con il quartiere un’operazione artistica pensata per creare nuovi legami tra spazi “istituzionali” e spazi “pubblici” di cultura.

Tutto il quartiere sarà invitato a partecipare alla festa dai tamburi di giovani richiedenti asilo che si sono resi disponibili grazie alla collaborazione con l’associazione “Ospiti in arrivo” e dalle percussioni dei bambini della scuola primaria Friz, sotto la guida di Roberto Lugli. Dopo la presentazione del murales, il pubblico sarà invitato a recarsi nell’area antistante il Punto Incontro Giovani (viale Forze Armate 6) per un momento di ascolto del coro dell’associazione femminile “La Tela” e, infine, per un aperitivo offerto dallo stesso PIG.

“Siamo molto contenti – spiega Pirone – sia sia creato un bel contatto con i quartieri che hanno partecipato, dando forma all’arte attraverso il dialogo con artisti. Tutte le opere realizzate, infatti, sono nate anche da un confronto e da un dialogo con i quartieri stessi. Uno degli obiettivi del progetto è stato proprio che gli artisti si mettessero all’ascolto della gente e le opere d’arte nate fossero il risultato di questo confronto. Visioni Urbane – prosegue Pirone – ha seminato qualcosa di importante. Semi che siamo disposti a portare avanti e ad approfondire anche curando quel dialogo tra quartiere e arte urbana che può dare nuovi stimoli al borgo stesso. L’arte urbana, infatti, è uno dei percorsi sviluppati da questa amministrazione. Un campo molto importante perché ha ricadute di carattere sociale oltre che artistico e culturale”.

Per la realizzazione dei murales, infatti, gli artisti hanno cercato di cogliere l’anima della gente e dei luoghi dove abita, parlando con i passanti, intervistando referenti di associazioni, responsabili di servizi e molti altri ancora. Tante le opere realizzate fino ad ora, dalle nicchie esterne di Casa Cavazzini ai grandi muri dei condomini Ater nei quartieri di San Rocco (via Vipacco), San Domenico (via Ausonia e Reconquista) ed Aurora (via Riccardo di Giusto). A fianco a questi grandi murales realizzati da artisti locali, un gruppo di giovani è stato coinvolto nell’intervento urbano presso l’edificio di via Val D’Aupa.

Dopo il taglio del nastro per “In Da Hood”, questo il titolo dell’opera realizzata al quartiere Aurora, è già in calendario la prossima inaugurazione, stavolta dei due murale del quartiere di San Domenico. Un appuntamento, fissato per il 22 settembre, dedicato agli alunni dell’omonima scuola limitrofa al parco De Rocco su cui sono affacciati. Successivamente “Visioni urbane” entrerà nelle scuole secondarie con percorsi dedicati agli studenti per concludersi con una mostra finale a Casa Cavazzini. Per saperne di più sul progetto è possibile consultare il blog all’indirizzo www.visioniurbane.udine.it

1.469