Bearzi

Aquileia si scopre: 1 Giugno 2012

Grazie alla collaborazione tra la Fondazione Aquileia, la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Friuli Venezia Giulia e le Università di Padova e Udine si rinnoverà il 1 giugno l’appuntamento con ‘Aquileia si scopre’: l’archeologo Luca Villa condurrà appassionati e curiosi all’interno dei cantieri di scavo del fondo Cossar e delle Grandi Terme, alla scoperta dei mosaici appena restaurati della Suedhalle e del fondo Cal e svelerà gli aspetti meno conosciuti della basilica dei Patriarchi. Il ritrovo è in piazza Capitolo e la passeggiata inizierà con la visita alla Suedhalle, dove si potranno ammirare le magnifiche superfici musive del V secolo d. C. che ricoprono l’area adiacente il Battistero, riportate alla luce e restaurate lo scorso anno grazie alla Fondazione Aquileia, e il mosaico del nartece detto”del pavone”, magnifico manufatto pertinente ad uno degli ambienti paleocristiani antistanti la basilica. L’archeologo guiderà, poi, i partecipanti all’interno della Basilica per raccontare la sua evoluzione nei secoli e al fondo Cossar, dove il professor Jacopo Bonetto dell’Università di Padova illustrerà e mostrerà i risultati della campagna di scavo stratigrafico che sta conducendo da tre anni e che ha portato alla luce un’intera domus romana. Alle Grandi terme la professoressa Marina Rubinich dell’Università di Udine svelerà i misteri di uno dei più vasti e importanti edifici pubblici dell’Aquileia tardoantica, noto per i suoi mosaici pavimentali e le sue trasformazioni dal IV secolo d.C. ai nostri giorni e, infine, al fondo Cal si potrà ammirare il mosaico del Buon Pastore appena restaurato grazie alla Fondazione Aquileia.

facebook

Lascia un commento

357