Arsenal – Udinese 1-0: le pagelle

arsenal-4

Arsenal – Udinese: Le FOTO da bordocampo

Una buona Udinese dopo una partenza arrembante dell’Arsenal tiene lungamente testa ai Gunners senza però riuscire a pareggiare il gol realizzato in apertura da Walcott. Occasioni da una parte e dall’altra fino all’ultimo respiro. Finisce 1-0 ma il pensiero è già al ritorno di mercoledì prossimo al Friuli

Handanovic, 7: inoperoso per gran parte della partita fino a quando, a poco dal termine, stupisce il pubblico inglese con l’eccezionale parata sul tentativo di raddoppio da parte di Theo Walcott.

Ekstrand, 6: Fra le vittime, con diversi compagni di squadra, dell’iniziale suggestione che suscita l’ambiente dei Gunners. Con i  minuti che trascorrono acquisisce sicurezza e si concede anche qualche percussione insospettabile.

Benatia, 7: Personalità, spessore, tempismo. Gioca come se calcasse da anni il palcoscenico della Champions ai massimi livelli. Miglior bianconero sulla riva sinistra del Tamigi.

Danilo 6,5: Grande prestazione del brasiliano, che se si dovesse confermare su questi standard potrebbe essere la sorpresa bianconera di questa stagione.

Neuton, 5: (dal 16’ secondo tempo Pasquale, Sv) Protagonista, suo malgrado, principale dei primi minuti orribili dell’Udinese. Al 3’ si addormenta sul cross che porta Walcott al gol, al 12’ riesce a farsi ammonire per protesta dopo aver subito un fallo pesante. Cerca di rimediare successivamente, ma non basta.

Isla, 5,5: Meno intraprendente rispetto al solito. All’inizio si preoccupa troppo di proteggere Ekstrand, in seguito non riesce a incidere a dovere.

Pinzi, 6: Battagliero e determinato. Tiene a galla la mediana nei momenti di maggiore tensione. Dal 42 st Abdì Sv

Badu, 5,5: Insufficiente nella prima frazione di gioco, nella seconda si concentra cercando di giocare in modo meno artificioso e più rapido. Riesce così, solamente in parte, a riabilitarsi.

Asamoah, 6,5: Cala nella ripresa, ma rimane comunque fra i più positivi dell’intera truppa di Francesco Guidolin.

Armero, 6,5: Grande duello con il dirimpettaio Sagna sulla sua fascia. Spinge, aggredisce, guadagna metri e punizioni. Inesauribile.

Di Natale, 6: Ha sulle spalle la responsabilità della fascia e dell’intero attacco friulano. L’occasione d’oro, che la discutibile coppia di centrali biancorossa gli lascia, non viene capitalizzata a dovere. Per il ritorno dovrà essere decisivo.

Arsenal – Udinese: Le FOTO da bordocampo

578