Bearzi

Italy G8 Summit

Con una dichiarazione solenne del Presidente Barack Obama, l’America si unisce all’Italia nel celebrare il 150mo anniversario della sua Unificazione. Un riconoscimento di grandissima importanza che ha un solo precedente storico nel discorso pronunciato il 16 marzo 1961, in occasione del centenario dell’Unità d’Italia, dall’allora Presidente John Fitzgerald Kennedy.

“Il 17 marzo – si legge nel testo diffuso dalla Casa Bianca – l’Italia celebra il 150mo anniversario della sua Unificazione. In questo giorno siamo vicini a tutti gli italiani per onorare il coraggio, il sacrificio e la visione dei patrioti a cui si deve la nascita della Nazione italiana. Nel momento in cui gli Stati Uniti stavano combattendo per salvare la loro Unione, la campagna di Giuseppe Garibaldi per unificare l’Italia fu d’esempio a molti nel perseguimento della loro lotta, incluso i soldati del 39mo reggimento New York meglio conosciuto come ‘Guardia di Garibaldi’“.

«Oggi – continua la dichiarazione – l’eredità di Garibaldi e di tutti coloro che hanno contribuito ad unificare l’Italia vive in milioni di americani di origine italiana che tanto hanno fatto per costruire la forza e la ricchezza della nostra Nazione». Riconoscendo ufficialmente la data del 150mo dell’Unità d’Italia, Obama ha poi invitato tutti gli Americani a “conoscere di più la storia dell’Unificazione italiana e a onorare la lunga amicizia che lega il popolo americano e quello italiano”.

L’Ambasciatore italiano negli Stati Uniti, Giulio Terzi, ha quindi sottolineato come il proclama rappresenti “uno straordinario segno di amicizia”. “Il Presidente Obama – ha aggiunto – come John Fitzgerald Kennedy esattamente 50 anni fa, ha voluto testimoniate la vicinanza del suo paese all’Italia e agli italiani in una ricorrenza così importante che viene celebrata negli Usa con grande partecipazione nelle decine di manifestazioni che da settembre si svolgono in tutte le città americane sotto l’Alto Patronato della Repubblica”.

Fonte: Adnkronos

facebook

Lascia un commento

471