Cine20_1

Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato.
Detto questo, andiamo a cominciare. O a ricominciare. Perchè dopo la doverosa pausa forzata di CINE20 durante il lockdown e la riapertura delle sale italiane, avvenuta la scorsa settimana, segna davvero un nuovo inizio e l’ennesimo passo verso un ritorno alla normalità.
Stay safe and enjoy the movies.

.

Brevemente in sala.

.

TENET
di Christopher Nolan

.
Una guerra che rischia di portare il mondo come lo conosciamo alla sua fine ed una parola, Tenet, con la quale il personaggio si armerà per cercare di evitare il conflitto, anche invertendo le leggi stesse dello scorrere del tempo. Dopo tanta attesa e infiniti rinvii, esce finalmente i lnuovo film di Christopher Nolan che in qualche modo segna anche un nuovo inizio per il cinema e le sale dopo le chiusure forzate del lockdown. Un atteggiamento positivo mi sembra davvero il minimo.
ATTESA WELTALL 80%
.
L’ossessione di Nolan per il tempo e’ nota, infatti a partire da Memento passando per Interstellar per arrivare a Dunkirk,  il regista ci ha abituato a pellicole che giocano con il flusso del tempo  e la nostra percezione di esso. Mettere come titolo del film una parola palindroma e’ poi una vera e propria dichiarazione d’intenti, coerente peraltro con l’altra passione del regista, quella per i rompicapi, di cui spesso pero’ non fornisce alcuna soluzione  Rimandato per lungo tempo, come gia’ sottolineato dal mio collega, questa pellicola speriamo dovrebbe (il condizionale e’ d’obbligo) segnare il ritorno in sala per gli appassionati del grande schermo, in astinenza da un tempo che sembra quasi infinito…
ATTESA KUSA 80%

.

DOGTOOTH (Kynodontas)
di Yorgos Lanthimos

.
In periferia, in una casa isolata, vive una famiglia completamente priva di contatti con il mondo esterno. Ed è in questo contesto che un padre ed una madre hanno cresciuto i loro tre figli, completamente privati della conoscenza di ciò che si trova oltre le mura del loro giardino. L’unico legame con il mondo esterno è rappresentato da Cristina che svolge per la famiglia diversi compiti peculiari. Arriva dopo undici anni il film di Lanthimos che i più attenti avranno già recuperato prima o dopo essere rimasti conquistati dai suoi film successivi distribuiti regolarmente anche da noi (Il sacrificio del Cervo Sacro e La Favorita su tutti).
ATTESA WELTALL 80%
.
Dopo La Favorita Lanthimos ha certamente conquistato l’attenzione del pubblico, tra cui il sottoscritto che prima non lo conosceva. Percio’ un recupero delle sue pellicole precedenti e’ senz’altro ben accetto, ma non penso proprio che avverra’ in sala.
ATTESA KUSA 65%

.

.
.

434