Covid: Riccardi, meno pressione su ospedali e più casi fascia 3-5 anni

Incontro con istituzioni Ambito Friuli Centrale

Palmanova, 24 feb – “Tra gli elementi di novità c’è per prima
cosa il calo della pressione sulle aree mediche degli ospedali e
quindi l’inizio in certe sedi della riapertura di reparti che
erano occupati da pazienti Covid: già stabilito per Palmanova ed
oggi anche per l’ortopedia a San Daniele. In secondo luogo c’è da
registrare nel rialzo del contagio tra i giovani un abbassamento
dell’età, che arriva a classificare la fascia 3-5 anni come
quella maggiormente colpita”.

Lo ha detto oggi il vicegovernatore con delega alla Salute del
Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, nel corso di un
incontro in videoconferenza con i rappresentanti istituzionali
dell’Ambito territoriale che fa riferimento all’Azienda sanitaria
universitaria Friuli Centrale.

Come ha spiegato il vicegovernatore, l’incidenza di positività
dei bambini in età d’asilo rappresenta un fattore di rischio che
tocca direttamente gli adulti, a causa della contagiosità
all’interno dei nuclei familiari. Su questo fattore c’è poi
estrema vigilanza sulla diffusione della cosiddetta variante
inglese; a tal fine sono in atto le analisi sul virus attraverso
i sequenziamenti.

Relativamente alla rimodulazione dei reparti ospedalieri,
Riccardi ha citato l’esempio del presidio di Palmanova dove è
stata riaperta l’oculistica e di San Daniele dove si stanno
liberando alcuni spazi dell’area Covid.

Infine, il vicegovernatore ha ricordato il recente accordo a
livello nazionale con i medici di medicina generale che verrà
declinato sul territorio regionale. Una collaborazione che potrà
svilupparsi, fermo restando l’arrivo programmato delle dosi, per
le future somministrazioni del siero AstraZeneca riservato agli
under 65 (classe 1956 compresa).
ARC/GG/ma

Powered by WPeMatico

305