Economia: confcommercio FVG in crescita ma l’incertezza politica frena la ripresa

IMG_20180205_113024In Friuli Venezia Giulia, nell’arco del 2017, sono nate 5.368 nuove imprese (3.899 del terziario, 1.469 degli altri settori). Allo stesso tempo ne sono cessate 5.799 (3.677 del terziario, 2.122 degli altri settori). Il saldo resta dunque negativo (-431 imprese), per un tasso di crescita pari a –0,42% (in Italia è +0,75%) dovuto esclusivamente ai settori di attività diversi dal terziario, che al contrario evidenzia uno scostamento positivo. In questo scenario, è emerso nella sede della Regione a Udine alla presentazione dell’indagine congiunturale sul quarto trimestre 2017, commissionata da Confcommercio Fvg e illustrata dal direttore scientifico di Format Research Pierluigi Ascani, si registra un aumento della fiducia delle imprese del terziario Fvg, sia per quel che riguarda l’andamento generale dell’economia, sia con riferimento all’andamento della propria impresa. Tuttavia, l’outlook per i primi mesi del 2018 evidenzia una fisiologica flessione, giustificata in parte dalla stagnazione dei consumi, che rallenta il ritmo di crescita dei ricavi. Secondo il presidente di Confcommercio Fvg Alberto Marchiori c’è tuttavia pure un fattore legato alla situazione politica. «Viviamo in un clima di profonda incertezza legato all’esito delle prossime elezioni – sottolinea Marchiori –. Cittadini e imprese, anche a causa di una legge elettorale che si critica da sola, non sanno chi governerà, quale linea emergerà, quali riforme potranno essere messe in campo. Paradossalmente, non sappiamo se augurarci un non governo, come accaduto in Belgio e Spagna dove poi le cose sono andate bene, o un governo dalle prospettive non favorevoli per chi, da troppo tempo, è vessato da tasse e burocrazia. Quanto alla Regione – prosegue Marchiori –, l’auspicio è che, chiunque vinca, prosegua il lavoro degli ultimi cinque anni, in particolare sul sostegno al turismo e sulle politiche per le riforme. Da non dimenticare poi l’urgenza di investire sulla sicurezza».

«Il 2017 – dice da parte sua il vicepresidente della Regione e assessore alle Attività produttive Sergio Bolzonello, intervenuto alla presentazione – si chiude nel migliore dei modi con la conferma di una crescita consolidata nel complesso e un quadro a due velocità del terziario, da un lato il turismo e i servizi e dall’altro il commercio dove vi è un’ulteriore distinzione tra piccola e grande distribuzione. Rispetto ai dati nazionali, in Fvg, grazie alle politiche economiche con i fondi assegnati, e alla strategia, realizzata in sintonia con le categorie del comparto, stanno dando risultati concreti. Per quanto riguarda turismo e servizi possiamo dire che i primi numeri del 2018 sono importanti, penso al 20% dei turisti sulla montagna, ma anche le prenotazioni estive stanno andando oltre la media. Le criticità sono, ad esclusione degli alimentari, sul commercio cittadino, e qua bisogna continuare ad animare i paesi e proseguire nella riqualificazione dei centri storici, questa però è una situazione che si sta verificando anche a livello nazionale. Anche il dato sul credito alle imprese si sta riprendendo dopo le difficoltà delle due venete. Per quanto riguarda infine i saldi, ormai sono numeri che confermano come l’effetto si sia diluito nel tempo e come lo strumento debba probabilmente essere rivisto». 

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE

Nel 2017 in Fvg si è registrato un saldo negativo tra imprese nuove iscritte e imprese cessate: -431 (+222 del terziario, -653 degli altri settori).

Provincia di Gorizia – Iscrizioni 619; Cessazioni 616; Saldo +3

Provincia di Pordenone – Iscrizioni 1.378; Cessazioni 1.514; Saldo -136

Provincia di Trieste – Iscrizioni 971; Cessazioni 913; Saldo +58

Provincia di Udine – Iscrizioni 2.400; Cessazioni 2.756; Saldo -356.

L’analisi per territorio evidenzia tassi di crescita positivi nelle province di Trieste (+0,36%) e di Gorizia (+0,03%). Diversamente, il tasso di crescita è negativo nelle province di Pordenone (-0,51%) e di Udine (-0,70%).

OCCUPAZIONE
Le imprese del terziario Fvg fanno registrare un miglioramento della situazione relativa all’occupazione, sebbene esista un tema legato alla «qualità» della stessa, dovuta alla presenza ingente di contratti a tempo determinato. Resta altalenante l’andamento dei prezzi praticati dai fornitori (sebbene sembri ormai lontano il tunnel della deflazione) e continua a migliorare la situazione relativa ai tempi di pagamento da parte dei clienti, che tendono ad accorciarsi anche in vista dei prossimi mesi. In generale, le imprese evidenziano un miglioramento con riferimento alla situazione della liquidità, sia in termini congiunturali, sia in termini prospettici.


Andamento del fabbisogno finanziario.


OSSERVATORIO SUL CREDITO

In leggero aumento la quota di imprese del terziario Fvg che formalizza una domanda di credito (sono il 29,9% contro il precedente 29%). Tra queste, il 71% ottiene una risposta positiva: il 49% ottiene il credito secondo un ammontare pari o superiore alla cifra desiderata, il 22% secondo un ammontare inferiore.

Domanda e offerta di credito.

SALDI INVERNALI

La stima preliminare sull’andamento della stagione dei saldi invernali 2018 in Fvg conferma la medesima percentuale di sconto già proposta sugli articoli a saldo dodici mesi fa (37%). A livello territoriale, la situazione appare piuttosto omogenea nell’analisi per provincia. Gli esercenti del Fvg evidenziano un leggerissimo incremento del numero di visite in negozio. Nel confronto con la passata stagione dei saldi invernali, l’indicatore tendenziale (somma tra coloro che hanno ravvisato un aumento degli accessi e la metà di quelli che hanno registrato una invarianza) passa da 42 a 43, con risultati migliori presso le province di Trieste e Udine.

Affluenza negli esercizi commerciali durante il periodo dei saldi [Indicatore tendenziale = (% in misura maggiore) + ((% in eguale misura) / 2)]

Nel complesso, la prima parte della stagione dei saldi invernali fa registrare una sostanziale invarianza degli incassi rispetto a dodici mesi fa, frutto di una partenza forte e di un successivo leggero indebolimento.

Andamento degli incassi durante il periodo dei saldi [Indicatore tendenziale = (% in misura maggiore) + ((% in eguale misura) / 2)]

Nota metodologica – L’Osservatorio sull’andamento delle imprese del terziario del Friuli Venezia Giulia è basato su un’indagine continuativa a cadenza trimestrale effettuata su un campione statisticamente rappresentativo dell’universo delle imprese del commercio, del turismo e dei servizi della regione e delle quattro province (1.536 interviste in totale). Margine di fiducia: +2,6%. L’indagine è stata effettuata dall’Istituto di ricerca Format Research, tramite interviste telefoniche (sistema Cati), nel periodo 16-26 gennaio 2018.

1.082