Webcam

Economia: Monte dei Paschi stanzia 30 milioni per le aziende innovative FVG

 Un plafond ad hoc di 30 milioni per supportare le imprese del Friuli Venezia Giulia ad accedere ai fondi stanziati con il POR FESR 2014/2020, il Programma Operativo Regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, finalizzato a favorire gli investimenti per accrescere la competitività delle imprese. Questa l’offerta di Banca Monte dei Paschi di Siena che ribadisce il suo impegno nei confronti del territorio friulano per agevolare l’accesso al credito da parte delle aziende locali e contribuire al loro rilancio.

La proposta è destinata a tutte quelle imprese locali che hanno partecipato ai bandi regionali o sono intenzionate a concorrere. In particolare, le aziende che effettuano investimenti per creare nuovi stabilimenti o rimodernare quelli esistenti attraverso l’acquisto di macchinari, impianti, ma anche software e consulenze specialistiche, hanno la possibilità di ricevere un contributo a fondo perduto, da parte della regione, dal 20% al 50% in relazione alla tipologia di intervento e alle dimensioni dell’impresa. Per i progetti che prevedono invece l’acquisizione di soluzioni tecnologiche innovative nell’ambito dell’informazione e della comunicazione, per sviluppare ad esempio il commercio elettronico, le applicazioni digitali e la sicurezza informatica, così come per gli investimenti delle imprese turistiche volti all’automazione dei processi e ad accrescere la capacità di penetrare nuovi mercati, la regione mette a disposizioni contributi a fondo perduto variabili dal 10% al 50% sempre in base all’idea proposta e alla dimensione aziendale. Nel primo caso la regione può anticipare l’erogazione del contributo nella misura massima del 40% e nel secondo caso del 50%.

In questo quadro, il ruolo di Banca Mps non si limita al rilascio della garanzia fideiussoria utile ad ottenere l’anticipo dell’agevolazione, ma anche, nel caso in cui il merito creditizio lo consenta, a finanziare gli importi non coperti con i mezzi propri e con l’aiuto pubblico. L’istituto mette inoltre a disposizione una consulenza specializzata sulla finanza agevolata in grado di assistere le imprese locali in tutte le fasi di realizzazione del proprio progetto di innovazione.

“Il plafond che abbiamo stanziato è dedicato a supportare le imprese locali che credono nel rilancio del proprio business e dunque nello sviluppo del proprio territorio” afferma Elfo Bartalucci, general manager area territoriale Nord Est di Banca Mps. “In una regione così ricca di potenzialità come il Friuli Venezia Giulia, il nostro sostegno si configura come un aiuto concreto al tessuto produttivo locale volto ad incrementare la competitività in settori, come ad esempio quello turistico, che possono fungere da volano per la crescita dell’economia regionale”.

facebook
1.226