Bearzi

Ferriera: Tar Fvg, no a istanza sospensiva Comune Trieste

Comune condannato a rifondere spese a Regione e Siderurgica

Trieste, 8 feb – Il Tribunale amministrativo regionale del
Friuli Venezia Giulia ha comunicato oggi il rigetto dell’istanza
di sospensiva proposta dal Comune di Trieste avverso il decreto
regionale n. 2955/16, con cui il competente servizio della
Direzione Centrale Ambiente aveva accertato il completamento da
parte di Siderurgica Triestina srl di una serie di adempimenti
prescritti dall’Autorizzazione integrata ambientale (Aia).

Quello impugnato è l’atto dello scorso 22 dicembre, che la
Direzione Ambiente aveva adottato in ottemperanza all’ordinanza
Tar n. 567/16 resa nell’ambito del precedente giudizio promosso
da Siderurgica Triestina contro la diffida del Comune di Trieste,
intesa a limitare la produzione di ghisa alla misura di 34.000
tonnellate al mese, proprio sul presupposto che non risultava
ancora concluso il procedimento di accertamento dell’avvenuta
conclusione degli interventi prescritti dal citato decreto Aia.

Dalla Regione viene evidenziato come il Tar, nell’ordinanza,
abbia rilevato la mancanza, allo stato, di un’apprezzabile
fondatezza (fumus boni iuris) del ricorso del Comune, non essendo
stati nemmeno contestati gli interventi strutturali all’altoforno.

Sempre nell’ordinanza viene inoltre affermato come i prospettati
rischi per la salute pubblica risultino smentiti dalle
rilevazioni effettuate dall’Arpa.

Il Comune è stato altresì condannato alla rifusione delle spese a
favore di Regione e Siderurgica.

ARC/COM/fc

Powered by WPeMatico

facebook
577