Udine

Gorizia: stagione 2015/16 il teatro Verdi apre ai giovani

foto di scena_StefanoAccorsi_copyright Filippo ManziniTanti nomi prestigiosi, spazio ai musical e ai comici, ma soprattutto una grande attenzione per i più giovani: queste le caratteristiche salienti della stagione artistica 2015/2016 del Teatro comunale Verdi di Gorizia. Nell’attesa di conoscere tutti i 22 spettacoli in programma, alcune anticipazioni sono state illustrate dal sindaco, Ettore Romoli, e dal direttore artistico, Walter Mramor, affiancati dall’assessore regionale alla Cultura, Gianni Torrenti, e dalla direttrice del Teatro di Nova Gorica, Neda R. Bric.

Proprio l’apertura ai bambini e ai ragazzi sarà la principale novità della nuova stagione, con l’introduzione del cartellone Verdi young a fianco di Prosa, Musica e balletto ed Eventi, percorso quest’ultimo a sua volta diviso in Smile e Musical. Per le scuole e le famiglie saranno proposti quattro spettacoli, di cui due matinè in lingua inglese e due che saranno portati in scena la domenica pomeriggio. Una novità assoluta per il teatro goriziano, introdotta per fare in modo che anche le famiglie si affezionino al Verdi. Una stagione più che mai spumeggiante, variegata e di qualità, che sarà inaugurata con un musical: il sipario si alzerà lunedì 26 ottobre con il trascinante “Cabaret”, titolo famosissimo nel mondo grazie all’omonimo film del 1972 che consacrò Liza Minnelli. In scena, nella produzione della Compagnia della Rancia, Giampiero Ingrassia, Giulia Ottonello, Mauro Simone.

 

EVENTI MUSICAL
Lunedì 26 ottobre 2015
CABARET
testo di Joe Masteroff
basato sulla commedia di John Van Druten e sui racconti di Christopher Isherwood
con Giampiero Ingrassia, Giulia Ottonello, Mauro Simone
regia Saverio Marconi
produzione Compagnia della Rancia
Nella Berlino dei primi Anni Trenta, prima dell’ascesa del III Reich, il giovane romanziere americano Cliff è a Berlino in cerca di ispirazione e, nel trasgressivo Kit Kat Klub, incontra Sally e tra i due inizia una relazione tempestosa. Sullo sfondo dell’avvento del nazismo, si intrecciano le storie degli altri personaggi. Ma neanche l’ambiguo e stravagante Maestro di Cerimonie del Kit Kat Klub riuscirà a far dimenticare al pubblico che sulla Germania sta per abbattersi la furia hitleriana. Il titolo è famosissimo nel mondo, grazie all’omonimo film del 1972 che consacrò Liza Minnelli come autentica star e icona del film musicale. Lo spettacolo originale debuttò a Broadway nel novembre 1966, quando fu rappresentato per la prima volta al Broadhurst Theatre dove rimase in scena per 1.166 repliche. Celebrato da 8 Premi Oscar nel 1972 e dal Premio David di Donatello nel 1973 per Miglior Regista Straniero a Bob Fosse e Migliore Attrice Straniera a Liza Minnelli, il film è divenuto un classico capace di unire le atmosfere del musical alle rievocazione di un momento tragico della storia d’Europa. Cabaret vanta una colonna sonora straordinaria, entrata nel patrimonio dei musical grazie a brani intramontabili come “Mein Herr”, “Money Money”, “Maybe This Time” (”Questa volta”) e “Life is a cabaret” (”La vita è un cabaret”).

 

PROSA
Martedì 10 novembre 2015
BISBETICA La Bisbetica Domata di William Shakespeare messa alla prova
di William Shakespeare
traduzione e drammaturgia di Stefania Bertola
Comune di Gorizia
con Nancy Brilli
e con Matteo Cremon, Fabio Bussotti, Gianluigi Igi Meggiorin, Gennaro Di Biase, Anna Vinci,Dario Merlini, Brenda Lodigiani, Stefano Annoni regia Cristina Pezzoli produzione La Pirandelliana s.r.l.
Un classico senza tempo, ineguagliato capolavoro di William Shakespeare, in una rappresentazione travolgente e colorata da elementi popolari ed echi della commedia dell’arte. Attraverso il gioco metateatrale la chiave registica sostituisce allo Sly di Shakespeare tutta la compagnia facendola diventare il gruppo di attori che mette in scena “La Bisbetica domata”. Tutta la vicenda è arricchita da una verve comica che guida in modo parallelo i destini degli attori della compagnia e dei personaggi della commedia. L’immediatezza del linguaggio musicale si sposa perfettamente con i gusti anche di un pubblico di giovanissimi in una messa in scena originale di grande impatto visivo. Un doppio spettacolo in cui ogni ciascuno è sia attore della compagnia che personaggio di Shakespeare. Una commedia nella commedia, divertente, ricca di
colpi di scena, che, col sorriso, porta a riflettere sui rapporti uomo-donna, senza tradire mai la commedia originale di Shakespeare.

MUSICA E BALLETTO
Venerdì 11 marzo 2016
Stefan Milenkovic e Mitteleuropa Orchestra
Stefan Milenkovic ha iniziato lo studio del violino a tre anni con il padre, dimostrando un raro talento che lo porta a cinque alla sua prima apparizione da solista con l’orchestra. A sette conquista il suo primo premio alla Jaroslav Kozian International Violin Competition. L’anno successivo vede il suo primo concerto a Belgrado, cui fanno seguito esibizioni in tutto il mondo. Ha anche collaborato con direttori del calibro di Lorin Maazel, Daniel Oren e Vladimir Fedoseyev. E’ stato invitato a suonare per il presidente Ronald Reagan in un concerto natalizio a Washington a dieci anni, per Mikhail Gorbaciov a 11 e per il papa Giovanni Paolo II a 14. Ha festeggiato il suo millesimo concerto a 16 anni a Monterrey in Messico. Milenkovich ha partecipato a diversi concorsi internazionali, risultando vincitore anche del “Lipizer” di Gorizia. Interessato
all’insegnamento e alla musica da camera, Milenkovich dal 2002 è assistente di I. Perlman alla Juilliard School di New York.

PROSA
Martedì 22 marzo 2016
DECAMERONE vizi, virtù, passioni
liberamente tratto dal Decameron di Giovanni Boccaccio
con Stefano Accorsi
e con Salvatore Arena, Silvia Briozzo, Fonte Fantasia, Mariano Nieddu, Naike Anna Silipo adattamento teatrale e regia di Marco Baliani
produzione Nuovo Teatro diretta da Marco Balsamo in coproduzione con Fondazione Teatro della Toscana
Attore, regista e drammaturgo, Baliani costruisce per Accorsi, attore che vive sempre più la sua professione tra palcoscenico, cinema e televisione, uno spettacolo in cui si dipana il mistero della vita stessa, un’amarezza lucida che risvegli di colpo la coscienza, facendo scoprire al pubblico che “il re è nudo” e che per liberarci dalla “peste” dobbiamo partire dalle nostre fragilità e debolezze. Perché le storie servono a rendere il mondo meno terribile. Finché si racconta, finché c’è una voce che narra, siamo ancora vivi.

MUSICA E BALLETTO
Domenica 3 aprile 2016
MASTERS OF DANCE – TULSA BALLET
Rooster (coreografia di Christopher Bruce); Petite mort (coreografia di Jiri Kilyan); Classical Symphony (coreografia di Yuri Possokhov)
Per 60 anni il Tulsa Ballet ha arricchito il paesaggio culturale statunitense, presentando spettacoli di balletto di alta qualità. Ogni anno circa 40,000 spettatori attendono i sei programmi che fanno parte della stagione di danza di questa compagnia. Sotto la guida di Marcello Angelini, da 20 anni direttore artistico della compagnia, il Tulsa Ballet ha raggiunto una notevole fama nazionale ed internazionale, grazie all’equilibrio del suo repertorio, che va dai grandi classici del diciannovesimo secolo a lavori innovativi nel campo della danza contemporanea. Il repertorio prevede lavori di Kylián, Forsythe,

EVENTI SMILE
Martedì 26 aprile 2016
PERFORMANCE
con Virginia Raffaele
regia Giampiero Solari
Per la prima volta Virginia Raffaele porta nei teatri le sue maschere più popolari: Ornella Vanoni, Belen Rodriguez, il Ministro Boschi, la criminologa Bruzzone e tante altre ancora. Donne molto diverse tra loro, che tra arte, spettacolo, potere e politica sintetizzano alcune delle ossessioni ricorrenti della società contemporanea: la vanità, la scaltrezza, la voglia di affermazione e la scarsa coscienza di sé. Il tutto raccontato attraverso la lente deformante e irriverente dell’ironia e della satira, tipici elementi che compongono lo stile di Virginia Raffaele. I personaggi monologano e dialogano tra loro, anche grazie alle proiezioni video, in un gioco di specchi e di rimandi. Qua e là, tra le maschere, in scena appare anche Virginia stessa, che interagisce con le sue creature, come una sorta di narratore involontario che poeticamente svela il suo “essere – o non essere”. La musica in scena fa da punteggiatura allo spettacolo, accompagnando i personaggi nelle loro performance, sottolineandone i movimenti, enfatizzandone le manie. Si conferisce così allo spettacolo un ritmo forsennato nel cui vortice i personaggi, Virginia e le varie chiavi di lettura si confondono creando una nuova realtà, a volte folle a volte melanconica: quella dello spettacolo stesso.

VERDI YOUNG matiné (2 spettacoli)
Martedì 23 febbraio 2016, ore 10
WELCOME TO AMERICA (spettacolo in lingua inglese)
testo e regia di Graham Spicer
con Graham Spicer, Carlo Orlandi produzione Arcadia Productions target Scuole Secondarie di Primo e Secondo Grado
Un nuovo spettacolo dedicato a storia, costumi e immagini che costituiscono il mito degli Stati Uniti d’America. Includendo molti dei temi studiati a scuola, lo show illustra tanti dei più importanti eventi, luoghi e personalità che hanno fatto dell’America quello che è oggi: gli emigranti italiani che arrivavano a Ellis Island e la Statua della Libertà; i nativi pellerossa e i cowboys; la guerra d’indipendenza e i Presidenti americani; i film di Hollywood e i musical di Broadway; la storia degli afro-americani e della loro musica, dagli spirituals al rap; i fast food, Apple Pie e il tacchino del Giorno del Ringraziamento; le cascate del Niagara e il Gran Canyon; dalle automobili Ford alla Nasa; la mafia a Chicago, i grattacieli di New York… e tanto, tanto ancora. Si gioca inoltre con le differenze tra l’inglese parlato dagli americani e quello dei britannici: vocaboli e accento. Grazie all’uso di elementi multimediali, da immagini a filmati, luci e musica, lo show mantiene un ritmo veloce e stimolante allo stesso tempo, senza escludere gli studenti meno ferrati.

Venerdì 15 aprile 2016, ore 10
WIZARD OF OZ The musical (spettacolo in lingua inglese)
libero adattamento dall’opera di L. Frank Baum
produzione Palkettostage
target Scuole Secondarie di primo grado
La nuova attesa produzione di Palkettostage si ispira al Il meraviglioso mago di Oz, celebre romanzo per ragazzi di L. Frank Baum. La prima edizione fu pubblicata nel 1900. L’opera è stata poi ripubblicata innumerevoli volte e tradotta in numerose lingue. Il successo di quest’opera (poi adattata anche per il cinema, nel celebre film del 1939 Il mago di Oz con Judy Garland) diede inizio alla serie dei Libri di Oz, diverse decine di romanzi per ragazzi.

Domenica 15 novembre 2015, ore 16
PETER PAN
regia Alessandra Bertuzzi
con Umberto Fiorelli, Valeria Nasci, Simona Pulvirenti, Marco Mandrioli, Daniele Palumbo,
Chiara Piazzi, Odoardo Maggioni
Peter Pan, il personaggio creato nel 1902 da James Matthew Barrie, è messo in scena da Fantateatro in una nuova e inedita avventura, ambientata nei magnifici scenari dell’isola che non c’è. Al suo fianco, la fatina Trilli, Wendy e i suoi fratelli. Insieme a loro, Peter Pan si trova ad affrontare di nuovo il terribile Capitan Uncino, suo acerrimo nemico, che vive sulla nave con i pirati e ha una paura tremenda del coccodrillo che gli ha mangiato la mano. Lo spettacolo si propone in maniera divertente di parlare del mondo dei bambini. Un mondo dove il tempo non ha spazio e la fantasia, regna sovrana. Una trama mozzafiato, che mescola fantasia, azione e avventura, colorata da meravigliose videoproiezioni, che rendono lo spettacolo unico e travolgente. Il divertimento è assicurato per tutti e Peter Pan, non mancherà di ricordare agli
adulti che una volta sono stati anch’essi bambini.

Domenica 20 dicembre 2015, ore 16
LA CASA DI BABBO NATALE
scritto e diretto da Sandra Bertuzzi
produzione Fantateatro
La casa di Babbo Natale è uno show musicale per tutta la famiglia, un’ora e mezza di grande divertimento: protagonista Babbo Natale e i suoi elfi. Un tuffo nell’atmosfera magica del Natale, un viaggio nella poesia, nella dolcezza, ma anche tanta musica e divertimento, acrobazie e danze mozzafiato nella colorata scenografia che rappresenta la casa di Babbo Natale, in cui ogni anno arrivano migliaia di lettere di bambini da tutto il mondo. Siamo ormai alla vigilia di Natale, le renne e il carro con i regali sono quasi pronti, manca solo Babbo Natale… tutti gli elfi lo stanno aspettando ma lui non arriva… cosa sarà mai successo? Babbo Natale è scomparso e nessuno sa dov’è. Saranno l’amore e la bontà a mettere tutto a posto e a regalare allo spettacolo il lieto fine. In scena si alternano attori, ballerini, cantanti e acrobati in uno spettacolo imponente che coinvolge il pubblico in una festa collettiva. La musica cantata dal vivo fa da padrona di casa e regala grandi emozioni. Le musiche dello spettacolo sono tratte dai CD prodotti per Fantateatro, con brani scritti e interpretati da grandi musicisti italiani come Daniele Silvestri, Max Gazzè e Niccolò Fabi.

facebook
1.185