Bearzi

Il videoclip del Rototom Sunsplash

Publico

Una piccola città che non dorme, dove tutto è possibile e dove persone di differenti culture arrivate da tutto il mondo condividono esperienze e convivono omaggiando la vita: un vecchio sogno che diventa realtà. Presenta così il Rototom Sunsplash, l’artista brasiliano Dada Yute nella sua canzone “Rototom City”, un pezzo che ha composto e dedicato al festival reggae.

Dai concerti dei differenti palchi, all’atmosfera unica che si respira nelle aeree come l’African Village o le svariate classi di ballo nella spiaggia della SunBeach. Il buon ambiente della zona camping, alle sessioni della Reggae University, le attività infantili o la gastronomia proveniente da tutto il mondo. In poco più di quattro minuti Dada Yute descrive le molteplici possibilità che offre il festival dalla mattina fino al tramonto, con attività rivolte a persone di tutte l’età.

La XXIII edizione del festival reggae si terrà dal 13 al 20 agosto in Benicàssim (Spagna).

L’esperienza che lo coinvolse lo scorso anno partecipando come musicista allo Showcase Stage, lo scenario dedicato ad artisti e gruppi emergenti, gli diede lo spunto creativo per scrivere questa canzone, presentata lo scorso aprile.

“La verità è stata che ho vissuto una delle migliori e più intense esperienze durante la mia carriera nella scena musicale reggae”, afferma Dada Yute, che cominciò a scrivere questo pezzo lo scorso anno, mentre camminava dalla zona dei concerti fino al suo camper, l’ultimo giorno del festival. Una volta tornato in Brasile ha registrato la traccia e adesso Rototom Sunsplash, per scommettere sempre sulla nuova scena reggae, ha deciso di ringraziare l’artista e quindi di collaborare con lui sponsorizzando la produzione audiovisiva del videoclip che accompagnerà la canzone.

Non è l’unica canzone che gli artisti esibitosi durante il festival hanno poi voluto dedicare al Rototom. Nel 2009, all’origine dei problemi che obbligarono finalmente il Rototom Sunsplash ad abbandonare l’Italia, Alborosie compose una canzone per omaggiare il festival intitolata Rototom Free, che si è convertita in un inno. Anche Giallo Man dedicò al Rototom il tema Piange la libertà all’inizio di questa problematica, mentre Train to Roots composero Is Not A Crime.

D’altra parte, gli italiani Mellow Mood uscirono l’anno scorso con la traccia Innocent like Rototom per celebrare l’assoluzione della direzione del festival dopo il lungo e amaro processo di persecuzione politica che, all’origine della legge Fini-Giovanardi, permise criminalizzare l’attività del Rototom Sunsplash fino al punto di forzare il suo spostamento in Spagna.

facebook
1.156