Bearzi

Immigrazione: Fedriga “Muro di 243 km per fermare la rotta balcanica”

«Si sta valutando con il Viminale l’idea di un muro di 243 chilometri al confine est». Queste le parole di Massimiliano Fedriga rilasciate al Fatto Quotidiano in merito alla rotta balcanica che interessa il Friuli Venezia Giulia e che consente l’arrivo in Italia di moltissimi migranti

 “Non auspico la sospensione di Schengen né l’innalzamento di barriere, ma sono ipotesi che non si realizzeranno soltanto se c’è il rispetto delle regole da parte di tutti i Paesi. Il Friuli Venezia Giulia non è il confine dell’Europa. Ci sono altri Paesi che fanno parte dell’Unione Europea che dovrebbero presidiare quei confini”. 

Il governatore del Friuli Venezia Giulia ha commentato così l’ipotesi della sospensione di Schengen.

“La prossima settimana – ha annunciato Fedriga – avrò un incontro con il ministro degli Interni al Viminale. Tutte le ipotesi sono al vaglio per metter in campo gli interventi necessari a fermare la rotta balcanica che si sta rafforzando”.

Intanto ai primi di luglio inizieranno i pattugliamenti congiunti con la polizia slovena per contrastare gli ingressi irregolari. “Con il rafforzamento dei controlli lungo la frontiera, partito già lo scorso settembre, abbiamo contenuto l’ondata di ingressi che sono diminuiti del 20 per cento soltanto perché abbiamo avuto una reazione immediata. I muri non si alzano se le regole vengono rispettate – ha ribadito Fedriga – ma, ripeto, non siamo un Paese di confine”.

Fedriga ha rimarcato “la totale assenza dell’Europa, che anzi ha condannato i paesi che avevano iniziato a lavorare per la difesa dei confini europei; penso solo a come è stata messa sul banco degli imputati la Croazia o le accuse feroci rivolte all’Ungheria quando hanno iniziato a prendere delle contromisure. È un sistema che sta collassando: è la stessa Unione Europea a non far rispettare i trattati di Schengen, che attribuiscono ai paesi che rappresentano i confini estremi il dovere dei controlli”.

Quanto all’ipotesi avanzata dall’ex presidente della giunta regionale Renzo Tondo di portare i militari ai confini di Ungheria e Bosnia, Fedriga ha dichiarato che “non è una scelta che compete alla Regione, noi proseguiamo sulla strada della collaborazione con la Slovenia che ci è molto amica in questo impegno verso il controllo degli ingressi irregolari”.

Fedriga ha risposto anche alle affermazioni del consigliere regionale del Pd, Cristiano Shaurli, sull’incertezza dei numeri relativi agli ingressi: “Shaurli si preoccupi dei numeri di migranti irregolari entrati durante la precedente legislatura quando il Friuli Venezia Giulia è stato colpito da un’ondata di immigrazione clandestina enorme a cui il Pd non ha mai dato una risposta seria”

facebook
586