Telegram

Inaugurato laboratorio lingue allo Zanon. Innovazione nella didattica

L’assessore regionale all’Istruzione e lavoro, Alessia Rosolen, è intervenuta oggi a Udine all’inaugurazione del laboratorio di lingue dell’Istituto tecnico “Antonio Zanon” realizzato con i fondi regionali del bando 2020 e con il supporto della Fondazione Friuli.
“Questo laboratorio è uno dei 31 progetti ammessi alla graduatoria regionale interamente finanziata per oltre 900mila euro con cui la Regione ha voluto ammodernare i laboratori degli istituti tecnici su tutto il territorio” ha ricordato Rosolen, aggiungendo che “uno dei motivi di soddisfazione che caratterizza questi investimenti è la stretta collaborazione con gli Enti di decentramento regionale per la gestione dell’edilizia scolastica, nonché il consolidamento delle relazioni con la Fondazione Friuli che ha consentito alla Regione e alla stessa Fondazione di mettere in rete progettualità e risorse”.
Allo stesso tempo, l’assessore ha annunciato che “sono a disposizione dell’innovazione tecnologica ulteriori 5 milioni di euro già stanziati nell’accordo sul Fondo sociale europeo; le modalità di erogazione sono allo studio del gruppo di lavoro con il tavolo degli Enti di formazione regionale. È interesse della Regione innalzare il livello degli investimenti negli istituti e dimostrare una reale e concreta attenzione al sistema scolastico”.
Il nuovo laboratorio dello Zanon, al secondo piano dell’istituto frequentato da oltre 1300 studenti, si compone di sei blocchi di banchi, con quattro postazioni ciascuno, che favoriscono il lavoro di gruppo, mentre l’aula è dotata di infrastrutture video, software e di rete che consentono l’interazione tra studenti e docente.
Come ha spiegato la dirigente dell’istituto, Annamaria Pertoldi, l’intera scuola è stata dotata di nuove tecnologie nel corso dell’ultimo anno, in funzione della didattica a distanza che ora è diventata un sistema ibrido di cui i docenti si avvalgono con costanza. In questo modo si sta sperimentando una nuova metodologia didattica che, nel caso del laboratorio linguistico dove il traduttore simultaneo informatico interagisce in diverse lingue, facilita anche il processo di inclusione degli studenti di madrelingua straniera.
All’evento, che si è tenuto nel rispetto delle normative anti Covid, erano presenti, tra gli altri, il sindaco di Udine Pietro Fontanini, il vice presidente della Fondazione Friuli Guido Nassimbeni e la vice presidente del Consiglio d’Istituto Valentina Grion. 

facebook
680