PopSockets

Naipaul e Magris: i dialoghi del Premio Nonino

Naipaul
Il “Premio Nonino” approda anche a Udine, con l’arrivo in città del premio Nobel per la Letteratura, Sir V.S. Naipaul e lo scrittore triestino Claudio Magris.
Il celebre riconoscimento internazionale nel campo del pensiero e delle arti, giunto quest’anno alla 36ª edizione, avrà infatti una sua appendice anche per il pubblico cittadino grazie ai “Dialoghi del Premio Nonino”, una nuova iniziativa organizzata dalla “Nonino, distillatori in Friuli dal 1897” e realizzata in collaborazione con il Comune di Udine.
L’evento è in programma per sabato 29 gennaio alle 18 al Teatro Palamostre di Udine, proprio nella giornata in cui presso le Distillerie Nonino a Ronchi di Percoto verranno consegnati i prestigiosi premi.
Protagonisti dell’incontro saranno V.S. Naipaul, presidente della giuria internazionale del premio, e Claudio Magris, anch’egli membro della giuria che ogni anno assegna un riconoscimento alle personalità che maggiormente si sono distinte nel mondo della cultura e delle arti.
«Nel 1975 abbiamo istituito “Il Premio Nonino” come atto d’amore verso la nostra terra – spiega Giannola Nonino, amministratore delegato della storica azienda friulana –, per salvare gli antichi vitigni autoctoni friulani che erano in via di estinzione. È stato l’inizio di un’avventura straordinaria – racconta –, non soltanto per la nostra azienda, ma anche e soprattutto, credo, per ciascuno di noi. Grazie a questo riconoscimento e alla grappa, una volta semplice e contadina, oggi raffinata e fantastica, le distillerie Nonino diventano per una volta all’anno una piccola capitale della cultura. Da tutto il mondo arrivano scrittori, drammaturghi, attori, registi, antropologi, scienziati, imprenditori e tanti amici che hanno in comune con i Nonino l’amore per la terra, per le proprie radici, per il rispetto della Natura. È un momento magico – conclude – e per questo siamo felici di condividerlo, almeno in parte, anche con i molti amici ed estimatori friulani».
Non nasconde la sua grande soddisfazione anche l’assessore comunale alla Cultura, Luigi Reitani. «La cerimonia di conferimento del premio – commenta l’assessore – richiama in Friuli ospiti di grande rilievo dell’editoria, del giornalismo, dello spettacolo, dell’economia e della cultura, attirando l’attenzione di media nazionali ed esteri. Per questo motivo – prosegue – l’evento rappresenta una straordinaria occasione di promozione della città e siamo onorati della volontà di portare anche qui a Udine lo spirito e alcuni dei protagonisti del premio. Un vero e proprio regalo alla città e agli udinesi».
Di nazionalità inglese, Sir V.S. Naipaul vive a Londra da quasi 40 anni, ma è nato nel villaggio di Chaguanas, vicino a Trinidad, nelle Antille, da una famiglia caraibica discendente da immigrati indu originari del nord dell’India. Si è trasferito in Inghilterra all’età di 18 anni, laureandosi in letteratura all’Università di Oxford nel 1953. Il primo romanzo, “Il massaggiatore mistico”, viene pubblicato nel 1957. Grande viaggiatore, ha saputo descrivere il mondo caraibico con molta ironia, ma ha anche affrontato i temi della schiavitù, della violenza armata e della difficile emancipazione dei paesi africani. Anticipatori del più importante riconoscimento internazionale (Il Nobel gli verrà nel 2001 per “aver unito una descrizione percettiva ad un esame accurato incorruttibile costringendoci a vedere la presenza di storie soppresse”) è stato, nel 1993, il Premio Nonino, la cui giuria era quell’anno presieduta proprio da Claudio Magris.
Germanista e critico, Magris è universalmente riconosciuto come un finissimo letterato, di vastissima e straordinaria cultura, uno dei più profondi saggisti contemporanei, capace come pochi di scandagliare non solo il patrimonio della letteratura mitteleuropea, ma anche di ritrovare le ragioni profonde sedimentate dietro ogni libro con cui viene a contatto. Ma lo scrittore triestino è anche uno dei letterati di più grande umanità e sensibilità. Non si contano i premi e i riconoscimenti che sono stati attribuiti a questo grande intellettuale che, come già ricordato, è membro del famoso premio Nonino di Percoto (Ud).
La serata del 29 gennaio al Palamostre sarà ad ingresso libero. Superata la capienza massima della sala non sarà consentito l’accesso in sala. È quindi caldamente raccomandata la prenotazione del posto presso il PuntoInforma del Comune di Udine (via Savorgnana, 12) telefonando allo 0432 414 717/718 o inviando una e-mail all’indirizzo [email protected] (dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.30).

PREMIO NONINO

1 Dicembre 1973 Giannola e Benito Nonino nel rispetto della tradizione, rivoluzionano il sistema
di produrre e presentare la grappa in Italia e nel mondo. Creano la prima grappa di singolo vitigno,
il Cru Monovitigno® Nonino, distillando separatamente le vinacce dell’uva Picolit.

29 Novembre 1975 Ricercando vinacce degli antichi vitigni autoctoni friulani i Nonino scoprono che i più rappresentativi: Ribolla, Schioppettino, Tazzelenghe e Pignolo, sono in via di estinzione, essendone vietata la coltivazione. Il 29 Novembre 1975 con lo scopo di farli ufficialmente riconoscere dagli organi nazionali e comunitari, nasce il Premio Nonino Risit d’Âur ( barbatella d’oro) da assegnare annualmente al vignaiolo che abbia posto a dimora il miglior impianto di uno o più di questi vitigni. Nel 1978 i vitigni saranno autorizzati e nel 1983 Il Premio Nonino Risit d’Àur ottiene il regolamento CEE n. 382 con il quale i vitigni autorizzati nel 1978 diventano raccomandati.

30 Giugno 1977 Con il netto proposito di sottolineare la permanente attualità della civiltà contadina al Premio Nonino Risit d’Âur viene affiancato il Premio Nonino di Letteratura. La giuria è presieduta da Mario Soldati e composta tra gli altri da Padre David Maria Turoldo, Gianni Brera e Luigi Veronelli.

21 Gennaio 1984 Viene istituito il Premio Internazionale Nonino riservato ad uno scrittore straniero. Il premio sarà assegnato a Jorge Amado, che verrà dalla Sua Bahia fino a Percoto per ritirare il Premio.

27 Gennaio 1990 Nasce il Premio Nonino da assegnare ad una personalità del nostro tempo.

11 Aprile 1995 Il Maestro Claudio Abbado, in qualità di Direttore Artistico del Festival di Pasqua di Salisburgo affida alla Giuria del Premio Nonino il Premio di Letteratura Festival di Pasqua di Salisburgo.

4 Dicembre 1996 Iniziano i festeggiamenti per i Cent’anni della Famiglia con “Oh les beaux jours” di Samuel Beckett, regia di Peter Brook e con Natasha Parry. E’ un momento magico sottolineato dalla presenza di Peter Brook e di tanti amici.

25 Gennaio 1997 In occasione della XXII edizione del Premio Nonino viene presentato il libro di Altan “Ben il quarto figlio di Noè” il libro che racconta la saga della Famiglia Nonino.

29 Gennaio 2000 Concerto della Mahler Chamber Orchestra diretta da Claudio Abbado per i Venticinque Anni del Premio Nonino.

29 Gennaio 2010 Trentacinque anni del Premio Nonino

Giuria del Premio Nonino Trentunesimo Anno

Presidente
V.S.Naipaul

Adonis
John Banville
Ulderico Bernardi
Peter Brook
Luca Cendali
Antonio R. Damasio
Emmanuel Le Roy Ladurie
James Lovelock
Norman Manea
Morando Morandini
Claudio Magris
Edgar Morin
Ermanno Olmi

Alcuni premiati

Claudio Abbado
Chinua Achebe
Zhong Acheng
Adonis
Jorge Amado
Emmanuel Anati
Gian Luigi Beccarla
John Banville
Peter Brook
Piero Camporesi
Luca Luigi Cavalli Sforza
Suso Cecchi d’Amico
Marcello Cini
Hugo Claus
Dino Coltro
Antonio R. Damasio
Tullio De Mauro
Mahasweta Devi
Alfonso Di Nola
Norbert Elias
Filologica Friulana
René Girard
Francesco Gravner
Tonino Guerra
Aron Gurevic
Jerzy Grotowski
Aron Gurevic
Jerzy Grotowski
Hans Jonas
Yashar Kemal
Raymond Klibansky
Leszek Kolakowski
Jaan Kross
Davide Lajolo
Emmanuel Le Roy Ladurie
Gavino Ledda
Sigfried Lenz
Claude Levi-Strauss
Julio Llamazares
Franco Loi
James Lovelock
Amin Maalouf
Madri di Plaza de Mayo
Sergio Maldini
Norman Manea
Fosco Maraini
Giovanna Marini
Rigoberta Menchù
Luigi Meneghello
Edgar Morin
Alvaro Mutis
V.S. Naipaul
Ermanno Olmi
Raimon Panikkar
Giorgio Parisi
Progetto Educativo per l’Infanzia di Reggio Emilia
Dina e Paolo Rapuzzi
Domenico Rea
Nuto Revelli
Mario Rigoni Stern
Henry Roth
Edward W. Said
Mario Schiopetto
Leonardo Sciascia
Leopold Sedar Senghor
Jorge Semprùn
Harumi Setouchi
Carlo Sgorlon
Ngugi Wa Thiong’o
Tzvetan Todorov
Tomas Transtromer
Emilio Vedova
Edward O. Wilson
Mo Yan
Andrea Zanzotto

facebook

Lascia un commento

878