Primo passo di un progetto organico promosso dall’Ente.

Pasolini Autonomista, il ricordo della Provincia di Udine nell’anniversario dei 40 anni della morte del grande poeta.
Primo passo di un progetto organico promosso dall’Ente.

Il Pasolini autonomista è stato analizzato nelle sue declinazioni storiche, politiche, letterarie e sociologiche in occasione del convegno promosso dalla Provincia di Udine in concomitanza con il 40mo anniversario della morte del grande poeta di Casarsa. Un incontro fortemente voluto dal presidente Pietro Fontanini per rievocare la figura di un grande della nostra terra il cui impegno politico per il Friuli è ben tracciato nel volume “Pasolini Autonomista – Lingua poesia autonomia 1941-1949”, ristampato per l’occasione, curato dal professor Gianfranco Ellero, nell’ambito della collana di Studi sull’autonomismo dell’Istitût Ladin-Furlan Pre Checo Placerean.
“Pasolini aveva tracciato un programma preciso dai contenuti rivoluzionari: – ha evidenziato Fontanini che durante il convegno ha letto alcuni passaggi della pubblicazione “Pasolini riveduto e corretto”, quale testimonianza del professor D’Aronco che con Pasolini condivise la fondazione del Movimento popolare friulano -; la sua famosa frase “A vignarà ben il dì che il Friuli al si inecuarzarà di vei na storia, un passat, na tradizion” risuona come un messaggio profetico. Pasolini era per l’agire non per il tergiversare. Pasolini autonomista credeva nella Regione Friuli e non in una regione Triveneto o in un Friuli inglobato nel Veneto. Si è battuto per l’autonomia e per la storia del Friuli. La Provincia ha organizzato questo incontro per ricordare il suo impegno per il Friuli; il suo messaggio ai friulani è di grande attualità in questo momento in cui la specialità è a rischio così come la possibilità di perdere l’autonomia e di essere accorpati al Veneto”.
Il parallelismo fra Dante esiliato e Pasolini esiliato è stato tracciato dal direttore del Messaggero Veneto, Tommaso Cerno, che ha ricordato l’unicità della sua figura, di esiliato, autonomista e perseguitato, non piegato al conformismo, difficilmente malleabile. Il direttore ha elogiato la Provincia di Udine e il Presidente, Pietro Fontanini, perchè con questo convegno ha iniziato il percorso di riappropriazione, a vantaggio del Friuli, di un suo figlio che ha reso grande il nostro territorio.

Powered by WPeMatico

facebook
540