Bearzi

Roma: pacco bomba esplode a Equitalia

logo_equitaliaUn pacco bomba è esploso ferendo una persona a Roma, in via Andrea Millevoi, presso un’agenzia di Equitalia. Il plico è stato recapitato via posta e durante l’esplosione ha ferito la mano del direttore della sede. La Procura di Roma ha avviato un’ indagine per risalire ai responsabili del pacco bomba che ha determinato il ferimento di una persona in un’agenzia di Equitalia, in via Andrea Millevoi. Il procuratore aggiunto Pietro Saviotti procede per attentato con finalita’ di terrorismo. Il pm e’ in contatto con i dirigenti Digos

FERITO E’ DG EQUITALIA  – L’uomo ferito da un pacco bomba in una filiale di Equitalia a Roma è Marco Cuccagna, direttore generale della stessa agenzia per la riscossione dei tributi. Cuccagna ha perso la falange di un dito nell’esplosione ed è ricoverato in un ospedale della capitale, secondo quanto si apprende

MONTI,SVOLGE SUO DOVERE NEL RISPETTO LEGGI  – “Equitalia ha sempre svolto e continua a svolgere esclusivamente il proprio dovere, nel pieno rispetto delle leggi. Una funzione essenziale per il funzionamento dello Stato, senza la quale non sarebbe possibile erogare servizi ai cittadini ed alle loro famiglie”. Lo scrive Mario Monti esprimendo solidarietà dopo l’attentato

Attentato con finalità di terrorismo. Per questa ipotesi di reato la procura di Roma ha aperto un fascicolo d’inchiesta. Le indagini sono coordinate dall’aggiunto Pietro Saviotti. La procura di Roma non ha dubbi: il pacco bomba che ha ferito il direttore generale di Equitalia è di matrice anarchica. Del resto, era di provenienza anarchica anche il plico esplosivo inviato ieri al presidente della Deutsche Bank, Josef Ackermann. Lo scorso anno, proprio di questi tempi, la galassia anarco-insurrezionalista italiana era ritornata sulla scena con l’invio di una serie di pacchi bomba a numerose ambasciate e sedi diplomatiche della capitale. Adesso nel mirino dell’organizzazione terroristica sembrano essere finiti personaggi e istituti legati agli ambienti della finanza e dell’economia.

facebook

Lascia un commento

568