Bearzi

Scuola, ok a pulizie cortile Centro studi e convenzioni con paritarie


Pordenone, 10/08/2016
– Dal Comune arriva l’impegno di pulire e sistemare il cortile del Centro studi e di rinnovare le convenzioni che sbloccheranno i fondi comunali per le scuole paritarie. Due interventi per i quali si sono spesi il sindaco Alessandro Ciriani e il consigliere delegato all’istruzione Alessandro Basso al quale il primo cittadino ha affidato pieno mandato per le questioni inerenti la scuola.

PULIZIE AL CORTILE CENTRO STUDI – Proprio Basso nei giorni scorsi ha incontrato diverse realtà della scuola, tra cui la delegazione dei Genitori democratici di Pordenone capitanata da Sonia D’Aniello.  «Un incontro molto interessante – ha riferito Basso – perché siamo riusciti a fare un primo quadro della situazione delle scuole della città». All’ordine del giorno della riunione anche il cortile del Centro studi, per l’appunto. Al riguardo il Comune fa sapere che «prima dell’inizio dell’anno scolastico il cortile sarà ripulito e sistemato. L’idea è affidare il compito ai profughi che verranno impegnati nei lavori di pubblica utilità». Un intervento per garantire il decoro dell’area che, peraltro, il sindaco Alessandro Ciriani aveva visitato nei giorni scorsi durante una serie di sopralluoghi ad alcuni immobili cittadini. Lavori più organici di riqualificazione partiranno invece più tardi. Al momento, infatti, non ci sono i fondi «poiché la precedente amministrazione non ha approvato il bilancio – informano ancora dal Municipio – che approveremo noi a settembre, dopo di che ci sarà la disponibilità delle risorse per un primo avvio dei lavori per riqualificare l’area».

CONVENZIONI CON LE PARITARIE – Il consigliere delegato ha anche incontrato i presidenti delle scuole paritarie e la presidente della Fism provinciale (Federazione italiana scuole materne) Maria Antonietta Bianchi Pitter. «Abbiamo iniziato a condividere il contenuto delle convenzioni che sono scadute da diverso tempo. Ci assumiamo la responsabilità di rinnovarle (anche in questo caso i fondi sono rimasti “congelati” per la mancata approvazione del bilancio, ndr) perché riteniamo che non si possa lasciare in sospeso un così importante tassello della scolarità pordenonese. Va subito precisato – puntualizza Basso – che il sostegno alle paritarie non significa assolutamente sguarnire il fronte della scuola pubblica».

ASSOCIAZIONE DISLESSIA – Tra gli incontri anche quello con la presidente dell’associazione italiana dislessia di Pordenone, Isabella Santini, accompagnata dalla maestra Angelina Spinato, formatrice dell’Aid. «Un intenso e proficuo confronto – ha spiegato Basso – con l’obiettivo di porre l’amministrazione comunale come trait d’union tra scuola, famiglie e servizi». Un percorso di avvicinamento che inizierà già a settembre con la partecipazione di Basso a una riunione dell’associazione dislessia.

Powered by WPeMatico

facebook
404