Sport: Torrenti, da 2015 oltre 17 mln per impiantistica sportiva

Trieste, 9 mar – La Regione dal 2015 ad oggi ha investito
quasi 17 milioni di euro nel rinnovamento dell’impiantistica
sportiva.

Come ha spiegato l’assessore regionale allo Sport, Gianni
Torrenti, tracciando il bilancio delle attività svolte nel corso
dell’ultima legislatura in ambito sportivo “tra il 2017 e il 2018
la Regione ha stanziato complessivamente 10.919.745 euro. Si
tratta di fondi per interventi di manutenzione su numerosi
impianti presenti in Friuli Venezia Giulia per tutti gli sport.
Inoltre, per la prima volta l’amministrazione regionale ha emesso
bandi per l’acquisto di attrezzature sportive per un importo di
1,5 milioni di euro, una parte rilevante dei quali stanziata per
l’acquisto di 60 pulmini da parte delle associazioni sportive,
aumentando così la sicurezza dei nostri ragazzi. Attraverso
questo bando i 130.000 euro ‘ereditati’ dalle Province per le
attrezzature sportive sono stati letteralmente moltiplicati
attraverso il bando a favore degli sportivi e delle società, che
sono uno dei motori della nostra società”.

Torrenti ha evidenziato “i grandi investimenti effettuati sia
sugli impianti sia sulle manifestazioni, ulteriormente
incrementati dalla direzione del turismo, che hanno avuto
eccezionali ricadute sul territorio sia di tipo economico sia
turistico, ma anche l’aumento della qualità dei servizi per i
ragazzi, le famiglie, il pubblico”.

L’assessore ha, poi, rimarcato il sostegno dato dalla Regione al
progetto Movimento 3S (salute, scuola, sport) sviluppato dal
Comitato Regionale del Coni, ovvero 1.420.000 euro complessivi
per il 2014-2018, passando dai 200.000 euro iniziali ai 400.000
del 2018.

Torrenti ha quindi spiegato che “la Regione ha posto particolare
attenzione alla disabilità supportando le associazioni sportive
del settore con uno stanziamento complessivo dal 2014 ad oggi di
oltre un milione di euro. Fondi che hanno permesso
l’organizzazione di eventi, ma anche l’acquisto di attrezzature
specializzate, equipaggiamento e mezzi di trasporto. Inoltre, dal
2018 le società sportive e le discipline paralimpiche iscritte
nei registri Cip e Coni potranno partecipare ad un bando da
200.000 euro annuali per la loro attività istituzionale”.

Nel quadriennio 2014-2017 la Regione ha sostenuto un migliaio di
eventi sportivi investendo 10 milioni di euro (con risorse in
crescita per il 2018) e ha destinato ulteriori 3 milioni alle
altre attività previste dalla legge (scuola dello sport, attività
giovanili, centri universitari).

L’assessore ha infine chiarito che in Friuli Venezia Giulia “non
dobbiamo avere solo una crescita del numero di manifestazioni, ma
aumentare la qualità dei servizi per i ragazzi, le famiglie e il
pubblico. Negli ultimi due anni abbiamo raddoppiato le risorse
per attività sportive nelle scuole garantendo trasparenza e
chiarezza, riducendo al minimo gli interventi al di fuori dalla
legge 8/2003 attraverso l’emissione di un unico bando annuale
dotato di ampie risorse”.
ARC/com

Powered by WPeMatico

954