Bearzi

Teatro: Giuliana Musso a San Daniele – 11 nov

Nati in casa (Musso)9 nov 10 – Ai nastri di partenza la stagione di prosa di San Daniele del Friuli, promossa dal Comune collinare e dall’ERT. L’apertura di stagione sarà in compagnia di un’attrice che, nella rassegna 2009/2010, ha stregato il pubblico collinare nell’interpretazione – al fianco di Beatrice Schiros e Igi Meggiorin – di “Tanti Saluti”. Giuliana Musso tornerà all’Auditorium Alla Fratta con il testo che l’ha fatta conoscere al grande pubblico: “Nati in casa”, un progetto firmato a quattro mani con il compagno e regista Massimo Somaglino. “Nati in casa” sarà a San Daniele del Friuli giovedì 11 novembre, alle 20.45.

Si nasceva in casa, una volta. Nei paesi c’era una donna che faceva partorire le donne. La chiamavano la “comare”, era la levatrice, l’ostetrica. “Nati in casa”  racconta la storia di una donna che fu levatrice in un paese di provincia di un nord-est italiano ancora rurale.
“Nati in casa” è una storia tutta al femminile, la storia di una dedizione costante e quasi sommessa al destino della gente, che dura una vita e che non si risolve mai in un unico eroico gesto. Il materiale con il quale Somaglino e Musso hanno costruito lo spettacolo, infatti, è stato raccolto attraverso tante interviste; la drammaturgia nasce tracciando linee semplici tra un aneddoto e l’altro, come quello in cui si racconta di un campanello che suonava di notte, ed era sempre una corsa, a piedi, col calesse, in bicicletta e persino a dorso d’asino e accompagnata da almeno due persone perché anche la levatrice era una donna e di notte da sola con un uomo “foresto” non si poteva andare; o quando un giorno la “comare” ebbe da assistere ben cinque partorienti e in quel piccolo paese nacquero cinque bambini sani in un sol giorno; o quando in quella casa fece nascere il decimo bambino, dopo nove femmine, ed era un maschio, e lo alzò al cielo come un piccolo Mosè; e quando una giovane donna incinta che si voleva buttare nel fiume uscì dalla sua casa e non ci si buttò…
Attraverso la memoria, “Nati in casa” presenta anche un’analisi della maternità di oggigiorno: modi, tempi, luoghi, figure professionali e protagonisti reali.

Per maggiori informazioni e prenotazioni contattare la Biblioteca Guarneriana allo 0432.954934 oppure l’ERT allo 0432.224211. Lo spettacolo sarà ospite delle stagioni ERT anche giovedì 2 dicembre a Casarsa della Delizia, per la rassegna di prosa del Teatro Pasolini.

facebook

Lascia un commento

660