Telegram

Tom Brady entra nella leggenda di ogni sport!

Chi ha detto che i record non sono fatti per essere battuti, non doveva di certo riferirsi a Tom Brady. Il campione senza età di Tampa Bay ha conquistato il suo settimo Super Bowl domenica sera, imponendo ai Buccaneers una sconfitta per 31-9 e rafforzando ulteriormente la sua posizione come il più grande quarterback di sempre nell’epilogo di una carriera leggendaria, che non mostra segni di cedimento.

Brady, che quando John F. Kennedy è stato eletto presidente aveva appena un paio di settimane, continua ad aggiornare i suoi record e cu ciò che è possibile fare nel mondo dello sport. Il settimo trofeo Vince Lombardi del 43enne – dopo i sei conquistati con i New England Patriots – lo pone di fatto fuori dalla portata di ogni prevedibile sfidante. Nessun altro quarterback nella storia della NFL ha vinto più di quattro Super Bowl – o addirittura giocato in più di cinque.

L’andamento della gara

La partita al Raymond James Stadium, dove i Bucs sono diventati la prima squadra a giocare un Super Bowl nella loro sede, è stata vista come uno scontro tra presente e passato. Ma è stato lo statista più anziano a rubare la scena a Patrick Mahomes, la star di 25 anni dei Chiefs che ha visto la sua finale compromessa da un infortunio al dito del piede e da una linea offensiva così-così. Tuttavia, questo era anche abbastanza prevedibile visto quello che i bookmaker davano come quota e all’offerta di benvenuto che hanno dato ai nuovi utenti per scommettere sul settimo sigillo di Brady.

Mahomes, che era a un asilo nido texano all’età di sei anni quando Brady vinse il suo primo titolo sulla nebbiosa scia dell’11 settembre, si è trovato sotto una pesante coercizione dalla serie di apertura dietro una linea che era stata compromessa dagli infortuni e accasciata al peggior partita – di gran lunga – dei suoi quattro anni di carriera professionale. Irritato, infastidito e perseguitato dai primi quattro di Tampa Bay per tutta la notte, Mahomes ha completato 26 dei 49 tentativi senza touchdown e due intercettazioni per un rating di 52,3 – con la parte del leone dei suoi 270 yard di passaggio in arrivo quando il risultato era ormai indirizzato verso una direzione ben precisa.

Un tandem impossibile da fermare

Il tandem di punta di Tampa Bay composto da Shaquil Barrett e Jason Pierre-Paul ha cenato sugli inesperti Andrew Wylie e Mike Remmers, e alla fine hanno sopraffatto un colosso offensivo di Kansas City, che è uscito come favorito da tre punti e aveva perso esattamente una volta su 23 partite negli ultimi 454 giorni. Il piano di gioco vincente era un fiore all’occhiello del 68enne Bruce Arians, il giocatore che divenne il più anziano allenatore a vincere un Super Bowl.

Durante la settimana del Super Bowl, l’allenatore Bruce Arians ha detto che Brady era “il pezzo mancante”. Per buona misura, hanno portato Gronkowski fuori dalla pensione, hanno dato a Brown un’altra possibilità e hanno preso il free agent Fournette.

facebook
546