Bearzi

Udinese-Roma: Guidolin “Roma è qualità e concretezza” – Probabile formazione

Udinese alla prova della capolista. Dopo l’ennesima sconfitta in trasferta i bianconeri cercano di allungare la striscia interna. Assente solo Domizzi, Brkic in recupero si gioca il posto con Kelava. ecco le parole di Guidolin

ROMA AL MASSIMO – Ho il compito di preparare i ragazzi al meglio e stimolarli. In serie A sono tutte imprese, l’ho detto da sempre ai ragazzi. Ho cercato di preparare la gara nel miglior modo possibile, ma per me tutte meritano rispetto. In questo momento loro sono al massimo, ma sarà difficile come per tutte quelle che hanno affrontato la squadra nell’ultimo periodo. Ci proveremo.

PALLE INATTIVE – Loro sono molto forti sulle palle inattive secondo i dati. Quando uno è primo le statistiche sono sempre eccezionali, ma loro hanno grandi potenzialità in tutte le situazioni. Più che le statistiche guarderei all’entusiasmo che hanno, al loro stato di grazia. Guarderei anche a una sana paura che abbiamo, che spesso nei gruppi forti si trasforma il coraggio. Abbiamo tanti giovani che vengono da lontano, e con questi ci vogliono pazienza e tempo.

BENATIA: Mi fa molto piacere quello che ha detto sul mio conto. E’ arrivato fino a lì perché ha una determinazione incredibile. Ho solo sfruttato quelle qualità, il merito è tutto suo. Ha avuto grandi stimoli e voglia da subito, dal primo giorno. Per me è stato un incontro molto positivo. E’ serio, preparato, intelligente e furbo il giusto. E’ merito suo, perché tutte queste cose le aveva già, non gliele ho date io.

DI NATALE: è sempre un problema per gli avversari; In questo momento stiamo facendo un po’ di fatica e deve darci una mano anche lui nella costruzione della manovra.

UDINESE Per tre anni abbiamo fatto miracoli. L’Udinese sta così com’è in questo momento, e darà tutto per fare il meglio possibile, se non ce la faremo pazienza.

TOTTI/BORRIELLO:  Molto, perché il napoletano è il classico centravanti. In questo momento però hanno il classico stato di grazia dove il ragazzo potrebbe fare anche il terzino grazie all’entusiasmo.

FLORENZI: Florenzi un giocatore chiave? Si, sono d’accordo, mi piace molto. E’ un universale, può fare diversi ruoli ed ha anche tanta qualità. E’ la metafora della squadra, qualità ed entusiasmo.

PRESSING: Non mi sembra che adotti questo tipo di pressione nei confronti dell’avversario. Lo fa solo in alcuni momenti. Bisogna essere bravi a giocare bene, non è solo questione di corsa, altrimenti giocherebbero i maratoneti e i velocisti, ma il calcio è un’altra cosa. Complimenti a loro e a Garcia, capace di adattarsi subito. Ha sistemato le cose, con Totti e De Rossi nei loro posti, valorizzato Pjanic, che secondo me è un grandissimo.

MURIEL:  Muriel ha fatto dei progressi. Giocherà? Si, ha fatto dei progressi. Questo lo diciamo noi, vedremo se giocherà, ancora non lo sappiamo.

BRKIC: E’ sulla strada giusta, ormai manca poco. Il portiere è un ruolo diverso, non ha bisogno di così tanto tempo per recuperare come negli altri ruoli.

 

 

PROBABILE FORMAZIONE: Kelava in porta con Brkic in rampa di lancio. Guidolin potrebbe optare per la difesa a 4 visto che la Roma di Garcia punta molto sulla spinta sulle fasce. Poco dovrebbe cambiare per quanto riguarda gli undici da mettere in campo. se difesa a 3 Heurtaux, Danilo e Naldo; centrocampo con Basta, Pinzi, Allan, Lazzari, Gabriel Silva; davanti Muriel e Di Natale.In caso di difesa a 4 Gabriel Silva si sposterà sulla linea dei difensori; fermo restando le due punte ci sono due ipotesi:  4312 con tre mediani Basta allan Pinzi con Lazzari dietro le punte oppure 4411 con Basta a destra e Lazzari a sinistra con Allan e Pinzi interni. Guidolin spesso ama stupire per cui c’è da valutare anche l’ipotesi Pereyra (20%) al posto di Lazzari (75%) e Maicosuel (5%)

 

Nicola Angeli – Fabio Di Bernardo

 

facebook
337