Piccolo Festival FVG

La quarta edizione di Piccolo festival FVG, propone uno spettacolo teatrale con musica e parole con Teatri Sperimental di Vile di Buie, musiche di Franco Feruglio, a cura di Francesco Accomando.

Prosegue anche quest’anno l’indagine in forma teatrale e animata, sull’impegno culturale dei Ciceri. ?Luigi, scomparso nel 1981, e la moglie Andreina Nicoloso, mancata nel 2000, erano due appassionati di cultura friulana. Lui, sostenitore dell’identità friulana, cultore della storia e delle tradizioni locali, tra i protagonisti della Società Filologica Friulana, curatore di mostre, editore, saggista e direttore di periodici. Lei, appassionata studiosa di lingua e letteratura, di racconti orali e tradizioni popolari del nostro territorio. Insieme, uniti nell’impegno sistematico che li porta a raccogliere negli anni centinaia di oggetti: statue, mobili, dipinti, maschere, libri. Raccogliere, con un’ossessione quasi collezionistica, per togliere dall’oblio dell’ignoranza un patrimonio culturale, non per mercanteggiare ma piuttosto per salvare.
?Nell’evento teatrale dell’anno scorso, intitolato “Tracce di passioni”, Piccolo Festival FVG, aveva ricostruito alcuni momenti della vita della coppia cercando di delineare un profilo umano, il ritratto di un impegno e una passione culturale.?Quest’anno la prospettiva cambia completamente e i protagonisti del nuovo evento teatrale saranno in prima persona alcuni tra le migliaia di oggetti che i due hanno raccolto, custodito e studiato in tanti anni. Come in una sorta di museo vivente, alcuni oggetti si animeranno, si mostreranno a noi e ci faranno sentire le loro voci, la loro sostanza e la loro testimonianza. Ma a causa del molto tempo che hanno vissuto dentro una cassa o una scatola, in attesa di una loro sistemazione, alcuni di questi oggetti hanno perso un po’ la memoria, sono un po’ confusi. ?Alcuni elementi raccolti dai Ciceri sono visibili da anni in importanti musei del Friuli ma la maggior parte sono ancora rinchiusi, muti senza voce.
?La Villa Ciceri diventerà allora una “Casa degli spiriti” e immaginiamo gli spettatori come se si fossero smarriti in un museo all’ora di chiusura in una notte misteriosa, una notte nella quale gli spiriti potenti della memoria riacquisteranno le loro voci, a volte flebili e spezzettate, altre volte più chiare e determinate.
?L’evento sarà un’occasione per far rivivere questi oggetti di tanta passione dei Ciceri, liberare le loro voci sarà un modo per restituirne alla collettività il loro valore, forse anche un grido di aiuto, una richiesta impellente, un coro di voci di un Friuli che chiede di essere finalmente salvato.
Con teatri Sperimental di Vile Buje: Aldo Baracchini, Rossana Di Tommaso, Milena Taboga e Francesco Ursella. Assistente Stefania Ursella. Musiche di Franco Feruglio. A cura di Francesco Accomando.

Per informazioni sui prossimi appuntamenti previsti nel cartellone di Piccolo festival FVG è possibile contattare il sito: www.piccolofestival.org

facebook
474