Bearzi


Novant’anni di vita della Scuola dei Mosaicisti di Spilimbergo (Pordenone), che ha formato artigiani mosaicisti ma anche veri e propri artisti, sono esposti a Villa Manin di Passariano da oggi fino al 22 luglio. La particolarità della mostra è data dal fatto che ai visitatori vengono date diverse chiavi di lettura dell’attività svolta dalla scuola, ma soprattutto verranno esposti oggetti mai messi in mostra sino ad oggi. Intitolata “Scuola mosaicisti del Friuli, 1922-2012”, la rassegna è stata inaugurata oggi alla presenza del Commissario straordinario del centro culturale, Enzo Cainero, dell’assessore regionale alla Cultura, Elio De Anna, e del presidente dell’Istituto spilimberghese, Alido Gerussi. L’iniziativa vuole essere un omaggio al percorso e all’attuale sviluppo della scuola che, oltre ad aver formato migliaia di mosaicisti, si è fatto conoscere in tutto il mondo per la qualità delle sue opere eseguite. Due i filoni della mostra: il primo, visibile da oggi, è quello storico-documentale sulla nascita e l’evoluzione dell’istituto attraverso le opere. Nata nel primo Dopoguerra per valorizzare la tradizione del mosaico della Pedemontana Friulana e per rinforzare il labile tessuto socioculturale, la Scuola Mosaicisti del Friuli ha impostato fin dalle origini un programma che affinasse la tecnica musiva e prevedesse aperture artistiche e culturali. Si va dalla pavimentazione del Foro Italico di Roma, ai grandi cicli musivi religiosi come quello del Santo Sepolcro a Gerusalemme. Ma ci sono anche opere di arredo, come i pavimentali del Kawakiu Hotel in Giappone oppure la Saetta Iridescente all’interno della metropolitana, alla fermata di Ground Zero a New York. Il secondo spazio, visitabile dal 16 giugno al 22 luglio, documenterà l’esperienza artistica maturata dagli allievi dopo la scuola. Gli artisti, giovani e meno giovani, sono stati invitati a presentare le loro opere originali, le loro ideazioni e realizzazioni personali, documentando il fermento e le potenzialità del mosaico contemporaneo

Per De Anna “questa mostra racchiude in sé molti motivi di interesse. Innanzitutto essa è la testimonianza e la documentazione concreta di un lungo cammino, nato per volere delle autonomie locali, che nei decenni passati si è strettamente intrecciato con quello dell’emigrazione friulana nel mondo, quando i terrazzieri e i mosaicisti usciti dalla Scuola – ha ricordato – hanno lavorato e lavorano lasciando opere di grande pregio”. Per De Anna – intervenuto assieme al collega all’Istruzione, Roberto Molinaro – “la mostra consente una riflessione a tutto campo sulla scuola: il suo richiamo è sempre più internazionale, lo testimoniano i numerosi allievi provenienti da tanti Paesi e continenti. In questo senso la Scuola Mosaicisti svolge, non da oggi, una funzione primaria nel processo di internazionalizzazione che la Regione persegue. E anche nei prossimi impegni all’estero la Scuola sarà presente. La Regione sostiene la Scuola e la sua attività”, ha concluso, annunciando che “le prossime variazioni di bilancio prevedono una posta per finanziare due borse di studio per giovani discendenti da emigranti del Friuli Venezia Giulia che intendano intraprendere questo percorso di studio”

facebook

Lascia un commento

883