Belluno: Vasco Zaina muore precipitando con paracadute

Un uomo, Vasco Zaina, 48 anni, di Porcia (Pordenone) è morto probabilmente per un malore dopo essersi lanciato con il proprio paracadute a Belluno. Zaina era noto nel mondo del paracadutismo, sport nel quale ha conseguito numerosi successi, tra cui il secondo posto al campionato nazionale di paracadutismo di precisione nel 2009. Il paracadutista, secondo quanto si è appreso, aveva raggiunto il piccolo aeroporto della città veneta assieme ad altri amici che praticano lo stesso sport per allenarsi in vista della coppa del mondo di specialità. Zaina è precipitato nonostante si fosse aperto il paracadute e questo ha fatto pensare ad un malore in quota. Sul posto è intervenuta una ‘volante’ della questura bellunese e un’ambulanza. Zaina è stato portato all’ospedale dove i medici non hanno potuto far altro che constatarne la morte. Del fatto è stata informata la magistratura bellunese che ha disposto l’autopsia.

Sulla base degli accertamenti svolti dalla Squadra Mobile di Belluno, è emerso che il paracadute principale avrebbe avuto un problema di apertura. Zaina avrebbe quindi cercato di aprire quello di emergenza, che però si è aggrovigliato senza entrare in funzione. Zaina si era lanciato assieme ad altre cinque persone, tra cui due stranieri, da un aereo Chessna da un’altezza di 3.500 metri. La magistratura ha disposto il sequestro delle attrezzature.

934