Webcam

Dal 1 marzo 2014 la benzina costerà 0.24 cent in più

benzina

Brutte notizie per gli automobilisti italiani: da sabato 1° marzo scatta un nuovo aumento delle accise sui carburanti. Si tratta del decimo aumento negli ultimi 4 anni. E’ previsto un nuovo aumento di 0,24 centesimi al litro dell’accisa sulla benzina e sul gasolio, L’aumento resterà in vigore fino al 31 dicembre ed è stato approvato dal governo Letta lo scorso anno

Scatta da sabato un nuovo aumento dell’accisa sulla benzina, che passa da 728,40 euro per mille litri a 730,80, con un aumento di 0,24 centesimi al litro, e di quella sul gasolio, da 617,40 a 619,80 per mille litri (+0,24): considerando anche l’Iva ai prezzi attuali l’aumento è di 0,34 centesimi. L’aggravio era stato previsto ad agosto dello scorso anno come copertura finanziaria per diverse voci del decreto Fare, tra cui la nuova legge Sabatini. L’aumento resta in vigore fino al 31 dicembre.

Una famiglia con un’auto a benzina quest’anno a sborsare 257 euro in più rispetto a quattro anni fa. Nel caso di un’automobile diesel, invece, l’incremento rispetto al 2010 sarà quantificabile in 388 euro.I dati sono calcolati percorrendo 15.000 chilometri all’anno. La stima è fatta dagli artigiani della Cgia di Mestre che rileva come dal 2010 le accise sono aumentate 10 volte e l’Iva due. Oltre alle famiglie, saranno colpite anche alcune categorie professionali come i taxisti, gli autonoleggiatori, gli agenti di commercio e i trasportatori. Con il nuovo aumento, segnala la Cgia, dal prossimo week-end fare il pieno ad un’autovettura costerà ancora di più con l’incremento medio annuo in capo a una famiglia italiana con un’auto a benzina che percorre mediamente 15.000 Km all’anno di 13 euro, mentre per un’autovettura alimentata a gasolio l’aumento sarà di 17 euro. Questi aumenti sono riconducibili al fatto che in questi ultimi cinque anni le accise sui carburanti sono state ritoccate ben 10 volte, mentre l’Iva è stata aumentata due volte. Il ritocco che scatterà sabato prossimo, fa notare la Cgia, è stato previsto dal cosiddetto “Decreto del fare”, approvato dal Governo Letta nel giugno dell’anno scorso. Questo aumento delle accise, pari a 2,40 euro ogni 1.000 litri consumati, garantirà, secondo le stime, 75 milioni di euro di gettito che finanzierà alcuni interventi per il rilancio dell’economia.

facebook
638