Bearzi

De Gregori a Pordenone – 18 novembre 2011

dalla-degregori-25Dopo il tour estivo che lo ha visto riempire le piazze e i Festival di tutta Italia, Francesco De Gregori sceglie di suonare, dal prossimo 6 ottobre e per tutto l’autunno, nei Club e su piccoli palcoscenici davanti a poche centinaia di persone per recuperare un rapporto più  diretto col suo pubblico.
Il Deposito Giordani di Pordenone, ha la fortuna di ospitarlo venerdì  18 novembre nella sua unica data in Friuli.
Il cantautore romano ha alle spalle un repertorio lungo ben 35 anni,   dai tempi dell’esordio al Folkstudio, sotto l’influsso di Bob Dylan e   De Andrè, e di quello discografico, nel 1970, con “Theorius Campus” a  due voci con Venditti.
Gli album successivi sono i memorabili “Alice non lo sa”, “Rimmel”,  “Buffalo Bill”, “Banana Republic”, “Titanic” che non hanno bisogno di  presentazioni ma hanno semplicemente scritto pagine della storia  musicale italiana.
Brani come “Generale”, “Atlantide”, “Cercando un altro Egitto”, “La  donna cannone”, “La leva calcistica del ‘68”, “Pablo”, “Viva  l’Italia”, lo hanno elevato al rango di musicista – poeta, senz’altro  uno dei più importanti nel panorama musicale italiano.
Francesco spiega cosi la scelta di suonare in questi spazi: “Voglio andare in giro in quei posti dove passa la musica più viva, dove c’è  un pubblico speciale, non addomesticato. Dopo tanti teatri, dopo un  bagno di velluti rossi, sento il bisogno di una dimensione più  ‘disordinata’”.
Francesco De Gregori sarà accompagnato sul palco da Stefano Parenti  alla batteria, Alessandro Arianti al pianoforte, Alessandro Valle al  pedal steel guitar e alla chitarra, Lucio Bardi e Paolo Giovenchi alle  chitarre e naturalmente Guido Guglielminetti, storico capobanda, al  basso e Elena Cirillo, violinista e vocalist.

inizio concerto 21:00
posto unico in piedi 22 euro


					
facebook

Lascia un commento

610