Bearzi

Elsa Martin vincitrice del premio della Critica al Premio Bianca D’Aponte 2014

d'aponte 1
Elsa Martin di Tolmezzo (UD) con il brano “Cjante” (testo di Stefano Montello), è la vincitrice del Premio Della Critica al Premio Bianca d’Aponte Città di Aversa 2014 giunto alla X edizione – il più importante festival nazionale che valorizza il cantautorato femminile organizzato dall’Associazione Musicale Bianca d’Aponte onlus con la direzione artistica di Fausto Mesolella. La cantautrice friulana, accompagnata alla chitarra da Marco Bianchi, con il suo brano in lingua friulana si aggiudica la borsa di studio del valore di € 1000,00 messa in palio dall’organizzazione.
Artista raffinata ed istrionica, definita “giovane intellettuale della musica italiana”,si è diplomata in musica jazz con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Klagenfurt (Austria). Ha avuto modo di confrontarsi con personalità di livello mondiale quali Tran Quang Hi, Friedrich Glorian, Tapa Sudana, Joji Hirota, Tadashi Endo, Karen Asatrian. Nel 2006 ha partecipato, ospite della cantante brasiliana Rosa Passos, al Festival Internazionale Jazz delle Canarie ed è stata protagonista di numerose esibizioni in Italia e all’estero. È musicista rappresentante il Friuli Venezia Giulia nel progetto “Porta parola?ambasciatori in musica”, ideato dal giornalista Sandro Petrone. E’ stata protagonista assieme al cantautore Giò D Tonno, al regista Marco Caronna e al pianista ed arrangiatore Valter Sivilotti dello spettacolo “Talk Radio”.Ha composto ed arrangiato musiche per spettacoli teatrali. Attualmente frequenta laboratori di Composizione ed Arrangiamento con il M° Valter Sivilotti ed il Laboratorio di Ricerca Musicale con il pianista ed improvvisatore Stefano Battaglia.
Nel 2012 esce il suo primo album intitolato vERsO, prodotto Alberto Roveroni ed Effettonote di Milano. L’album è stato finalista alle Targhe Tenco nella sezione “Opera Prima” (2012) e si è classificato 3° al “Premio Nazionale Città di Loano per la Musica Tradizionale italiana” (2013), il più importante riconoscimento discografico per la musica tradizionale/etnica/world in Italia. E’ vincitrice assoluta Premio Parodi 2012, dedicato alla world music, del Premio della Critica, Premio Miglior Musica.
Ha ricevuto la menzione speciale per la “migliore interpretazione” conferita dalla giuria di esperti musicali alla finale del Premio Bindi 2013. Si è classificata al 2° posto al Biella Festival 2013. Si fa apprezzare dal grande pubblico come supporter di artisti di fama internazionale come Alice, Al Di Meola e Antonella Ruggiero.?
La due giorni di musica che ha celebrato il decennale del Premio Bianca d’Aponte – Città di Aversa “Sono un’isola: io, donna per una canzone d’autore” con la partecipazione di numerosi ospiti big spalmati per ovvi motivi di tempo nell’arco delle due serate – tra questi Andrea Mirò, Enzo Avitabile, Petra Magoni, Bungaro, Mauro Ermanno Giovanardi (La Crus) e tanti altri -, ha riunito anche le cantautrici emergenti vincitrici di tutte le nove edizioni precedenti che a distanza di anni sono ritornate ad Aversa a testimonianza del legame di affetto che perdura con questo concorso e con gli organizzatori: Veronica Marchi e Germana Grano (ex aequo 2005), Chiara Morucci (2006), Eleonora Beddini (Mama’s Gan, 2007), Erica Boschiero (2008), Momo (2009), Claudia Angelucci (2011), Marta Charlotte Ferradini (2012) e Federica Abbate (2013). Non erano invece presenti perché all’estero, ma è giusto ricordarle, Laura Montanari (voce delle Mama’s Gan) e Laura Campisi (2010) che vive attualmente a New York.??Altri premi e riconoscimenti sono stati consegnati nel corso della serata finale. Il Premio Bianca d’Aponte, borsa di studio del valore di € 1500,00 è andato a Elisa Rossi con il brano ““Pensi sia possibile”; la borsa di studio di € 500,00 per il premio per  il Miglior Testo, è stata assegnata a Flo al secolo Floriana Cangiano di Napoli con “Quale amore”; la borsa di studio di € 500,00 per il premio per la Migliore Interpretazione è andato ad Anita Vitale di Messina per il brano “Quanto Custa”. Alfina Scorza di Salerno che ha presentato il brano “Suona forte” è stata consegnata la borsa di studia di € 500,00 per la Migliore Composizione ed è inoltre stata scelta da Mariella Nava che le ha proposto un contratto con la sua nuova etichetta discografica “Suoni dall’Italia – Produzioni Musicali” che le permetterà di intraprendere l’attività lavorativa musicale a livello professionale.??Fuori gara, fuori concorso e fuori programma, inoltre Mariella Nava ha proposto un secondo contratto discografico ad un’altra cantautrice, già conosciuta nel mondo dello star system e che ha vinto il Premio Bianca d’Aponte nel 2009, Simona Cipollone in arte Momo.??Il Premio Bianca d’Aponte è già al lavoro per la nuova edizione che avrà un’apertura alla musica internazionale (le cui specifiche saranno disponibili nel prossimo bando di prossima pubblicazione) e del quale si avrà un’anteprima a Barcellona il prossimo 8 marzo 2015 al “Bianca d’Aponte Internazionale”, (presentato al recente Premio Tenco), nel corso del quale verranno eseguiti esclusivamente brani di Bianca d’Aponte tradotti in varie lingue (evento ideato e voluto da Sergio Sacchi, grande esperto di cantautori e tra i fondatori del Club Tenco).??La manifestazione è patrocinata dalla Regione Campania, dal Comune di Aversa, dalla SIAE. Il Premio Bianca d’Aponte annovera tra i propri partner “Suoni dall’Italia – Produzioni Musicali”, “MuoviLaMusica”, Top1 Communication, M.A.U. ed Emergency.
?

facebook
849