Bearzi

Inaugurato Piazzale Aldo Moro a Udine

22_04 piazzale moro_3

“Per una città come Udine, medaglia d’oro per la Resistenza, che ha sempre cercato di tenere alti i valori civili, è molto importante intitolare uno spazio pubblico a uno dei padri della Costituzione come Aldo Moro, tra gli statisti più importanti che l’Italia ha avuto nel XX secolo. Un politico e un uomo di grandissimo respiro e visione, barbaramente ucciso dalle Brigate Rosse”. Con queste parole il sindaco di Udine, Furio Honsell, ha salutato oggi, 22 aprile, l’intitolazione ufficiale ad Aldo Moro del nuovo piazzale situato all’incrocio tra via Pozzuolo, via San Paolo e via Perusini. Alla cerimonia di scoprimento della targa che inaugura ufficialmente piazzale “Aldo Moro – Statista 1916 – 1978” hanno partecipato diversi rappresentanti della politica e delle istituzioni cittadine, regionali e non solo, con il primo cittadino a fare da padrone di casa insieme con diversi membri della giunta e del Consiglio comunale, e con il presidente della commissione Toponomastica, Franco Della Rossa, primo promotore dell’iniziativa.

Non ha voluto mancare all’evento un altro esponente di primo piano della politica italiana della Prima repubblica, quel Ciriaco De Mita che di Aldo Moro fu amico e compagno di partito nella Democrazia cristiana. Interessato dall’udinese Danilo Bertoli, che a sua volta fu deputato dal 1987 al 1994 nelle file della Dc e del Partito popolare, De Mita ha subito garantito la sua presenza per rendere omaggio a una delle figure più importanti della vita politica repubblicana. “È motivo di attenzione e di significato per la città poter ospitare l’onorevole Ciriaco De Mita – è il pensiero del sindaco Honsell –, esponente importantissimo della politica italiana del dopoguerra che ha profuso un grande impegno sociale dedicando la sua vita al servizio della comunità”. L’intitolazione del nuovo piazzale di Udine sud a Moro è stata decisa dalla giunta comunale lo scorso 2 febbraio, su proposta della commissione Toponomastica. Nato a Maglie, in provincia di Lecce, il 23 settembre 1916, Moro fu un politico, accademico e giurista italiano, cinque volte presidente del Consiglio dei ministri, segretario politico e presidente del Consiglio nazionale della Democrazia cristiana. Fu rapito il 16 marzo 1978 e ucciso il 9 maggio successivo dalle Brigate Rosse.

Il nuovo piazzale situato tra via Pozzuolo, via San Paolo
e via Perusini porta ora il nome dello statista rapito e ucciso
nel 1978 dalle Brigate Rosse

facebook
1.745