Bearzi

pallacanestro (1 di 14)

“La pallacanestro udinese ha un’anima e vuole raccontare il tempo”, una serata tutta dedicata alla pallacanestro udinese. Organizzata dal C.E.C. – Centro Espressioni Cinematografiche
in collaborazione con l’Associazione Pallacanestro Udinese Ieri, la esclusiva serata ha in serbo inediti e spettacolari filmati d’epoca, preziosi cimeli esposti nell’area antistante la sala (e che potranno essere toccati con mano dagli appassionati!) e un ricco parterre di ospiti d’onore: i gloriosi giocatori del passato Lino Paschini, Giancarlo Sarti, Nicola Porcelli, Franca Vendrame, Marisa Geroni, ma anche l’attuale Presidente della Snaidero, Edy Snaidero, e la storica voce della pallacanestro udinese Sergio Tavcer.

Nata per celebrare i protagonisti del parquet, le loro gesta atletiche e le tante emozioni vissute insieme al pubblico, la serata La pallacanestro udinese ha un’anima e vuole raccontare il tempo sarà un’occasione per ricordare i grandi dirigenti del passato (da Marzona a Tamagnini, dalla famiglia Bruseschi a quella dei Rinaldi e dei Cainero fino alla Famiglia Snaidero che da 10 anni segue generazioni di ragazzi regalando passione ed entusiasmo sotto il segno della maglia arancione), quindi i fuoriclasse cresciuti tra il campetto dell’Ospedale Vecchio, il Marangoni, e il Bar da Bruno, e quelli che sono riusciti, meritatamente, a militare nella file della nazionale italiana facendo valere le proprie radici udinesi (Cescutti, Paschini, Galanda, Savio, Delle Vedove, Polzot, Cossettini, Riva, Viola, Zuliani). Non da ultima verrà omaggiata la memoria dell’atleta Ezio Cernich.
L’evento è organizzato dall’Associazione Pallacanestro Udinese Ieri che, consapevole di quanto il movimento cestistico sia radicato nelle tradizioni locali, s’impegna da sempre nel ricordo di un’epoca vissuta con intensità e freschezza, coinvolgendo i protagonisti del passato e invitando i giovani di oggi innamorati di questo sport a raccogliere messaggi utili per costruire la pallacanestro del domani.













Foto: Paolo Jacob

facebook

Lascia un commento

1.185