Bearzi

Lazio – Inter 1-0 decide Klose – le pagelle

Inter e Lazio dopo una buona partenza in campionato con in nerazzurri secondi e i biancocelesti quarti si misurano per capire quali sono le ambizioni per questa annata. Ad avere è meglio la Lazio che dopo un primo tempo dominato nella ripresa concede qualche occaisone all’inter. Due pali per i nerazzurri e un fallo fischiato a un passo dalla porta. Il gol partita è di Klose quando mancano 10 minuti alla fine

LAZIO 7: grande possesso palla ma pochissimi tiri in porta, nella ripresa l musica cambia,: concede molto di più ma trova occasioni e vittoria

MARCHETTI 7.: non pervenuto fino al palo di Guarin e a aquello di Cassano, reattivissimo su Nagatomo

KONKO 6,5: non sarà elegante, ma sulla fascia destra non si deve sfilare. Non ha nemmeno i connotati del modello. Quando Nagatomo gli cappa rimane una sola cosa da fare, Abbatterlo prima che entri in area

BIAVA 6: non è che dalle sue parti l’Inter si faccia mai molto pericolosa visto che Milito è abbandonato al suo destino di vagare senza meta e senza palla

CIANI 6: un destino condiviso con Biava ma va detto che la Lazio è brava a pescare giocatori semisconosciuti e proporli ad alti livelli

RADU 6,5: un bel giocatore ma non riesce a sfondare sulla sinistra visto il fortino che Strama innalza davanti ad Handanovic

LULIC 6: non si vede granchè ma nel primo tempo gioca più in basso della linea della palla, nella ripresa i giocatori dell’Inter fanno girare la palla veloce e ne vede poche

dal 64° CANDREVA 6,5: buttato dentro per spaccare la partita, magari anche con qualche tiro da fuori, dà il via alla risalita nerazzurra anche se non è colpa sua. Dà  verve agli attacchi della Lazio ma la concretezza non arriva

HERNANES 5,5: era uno dei giocatori che doveva aprire la difesa dell’inter inventandosi qualche cosa. Non gli riesce nemmeno il jolly su punizione

dall’87° DIAS: sv

LEDESMA 6,5: dirige il centrocampo biancoceleste con ordine ma con la difesa dell’Inter schierata a 7 era davvero difficile trovare gli spazi. vede il corriodio per Klose che fra due difensori imbuca nell’unico angolino

GONZALEZ 6: gira anche lui nella metàcampo interista senza concludere niente di concreto

MAURI 5: chiamato alla giocata artistica pennella solo palle prevedibili e spesso bisticcia anche con quelle. Serata no

KLOSE 6: incute timore ma per 60 minuti fa solo aria. Nella ripresa ne sbaglia di ogni prima di siglare il gol vittoria all’81°

dall’85° FlOCCARI sv

all. PETKOVIC 6: schiaccia l’Inter nel primo tempo ma riesce a sfondare raramente. Nel secondo tempo si gioca il cambio di Candreva e la partita si anima su tutti e due i fronti. Forse serviva qualcos’altro in area.

 

INTER 6 Difesa a 7 nel primo tempo esce nella ripresa ma viene punita nel momento migliore

HANDANOVIC 6,5: nonostante l’assedio di 55 minuti non è chiamato a grandi interventi ma fornisce sempre sensazione di sicurezza assoluta. Incolpevoel sul gol di Klose

NAGATOMO 6: enorme in generosità si trova sul piede la palla del colpaccio ma Marchetti ci mette qualcosa di più di una toppa

RANOCCHIA 6,5: il suo percorso di crescita sembra essere ripreso. Partita ordinata anche se dovevano controllare un giocatore in due

SAMUEL 6:  The Wall non è quello di 10 e oltre ani fa quando vinse lo scudetto in giallorosso ma rimane ancora una sicurezza anche se si fa pizzicare fuori posizione in occasione del gol di Klose

PEREIRA 5,5: nel primo tempo la sensazione è che la Lazio stia sempre per sfondare da quella parte ma in qualche modo riesce a cavarsela sempre

dall’86° COUTINHO sv

ZANETTI 6,5: preciso, prima da centrocampista e poi da terzino. Soffre contro Candreva ma non cede il passo a quelli che potrebbero quasi essere suoi figli

GARGANO 6: fa più che altro legna, rumore e confusione ma nella linea davanti alla difesa del primo tempo è una delle tre colonne davanti

CAMBIASSO 6: frangiflutti davanti alla difesa nel secondo tempo perde un po’ i biancocelesti che hanno qualche spazio in più quando l’Inter attacca

dal 60° PALACIO 6: il suo ingresso cambia la partita. Più tatticamente che per le sue giocate

GUARIN 6: schierato da trequartista nel primo tempo si batte in mezzo alla supremazia numerica laziale. Nel secondo temp osfiora il gol del colpaccio ma è il palo a dire no

MILITO 5,5: partita difficile ma se no fosse fermato dall’arbitro per un fallo folle quando la partita era ancora sullo 0-0 staremmo a parlare di un’altra partita

CASSANO 5,5: gesti tecnici e lingua lunga. Poche giocate utili

all: STRAMACCIONI 6: difende a 7 il primo tempo nella ripresa opta per il 4-4-2 e i legni gli dicono due volte di no prima che Klose giustizi Handanovic

facebook

Lascia un commento

660