MIGRANTI: SERRACCHIANI, CONFERMATO IL NO A UN CENTRO PERMANENTE IN FVG

Trieste, 21 settembre – “Le precisazioni della Prefettura di Udine sono tempestive e molto opportune, e confermano una linea seguita con determinazione dalla Regione”. Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani dopo che il prefetto di Udine ha chiarito che la Caserma Cavarzerani di Udine non è destinata a diventare un centro permanente di accoglienza come ipotizzato da alcuni organi di stampa.

“Affinché sia chiaro e cessi ogni tipo di speculazione – ha aggiunto Serracchiani – confermo che abbiamo già da tempo fatto pervenire a Roma il messaggio che in Friuli Venezia Giulia non si può e non si deve realizzare alcun centro permanente di raccolta profughi, si chiami CARA, hot spot  o altrimenti. Abbiamo già dato il nostro contributo, unici nel Nord Est, con la struttura di Gradisca”.

Per Serracchiani, “a maggior ragione è impensabile che la Caserma Cavarzerani e la città di Udine possano sostenere ulteriori arrivi. Ciò è all’attenzione delle autorità centrali, che sanno far di conto e manterranno una distribuzione proporzionalmente corretta”. “Tenendo conto che siamo regione di confine nella quale vengono gestiti flussi diretti in ingresso – ha concluso Serracchiani – ci aspettiamo dunque che si lavori per svuotare al più presto la Cavarzerani”.

ARC/RM/com

Powered by WPeMatico

561