Studenti in sella 2. Da Udine a Buia sull’ippovia del Cormôr

studenti in sella 2015 a
Un sabato in bicicletta per studenti e docenti all’insegna della spensieratezza, dello sport, della salute, del divertimento, del rispetto dell’ambiente e dell’ecologia. Ecco lo spirito di “Studenti in sella”, la ciclo-ecologica giunta alla seconda edizione che si terrà sabato 23 aprile (in caso di maltempo rinviata a sabato 30 aprile) e si snoderà lungo il tracciato dell’Ippovia del Cormôr da Udine a Buia e ritorno. Già oltre 500 le iscrizioni che sono aperte fino a venerdì 22 aprile (per info: www.studentiinsella.it). Oggi mercoledì 20 aprile, a palazzo Belgrado, la presentazione della kermesse organizzata dalla Polisportiva Studentesca dell’Isis Malignani, con il patrocinio della Provincia e del Comune di Udine, in collaborazione con la Consulta provinciale degli studenti, dell’Ufficio scolastico regionale, dell’Afds e delle associazioni sportive ciclistiche di Buia che forniranno assistenza ai cicloamatori e accoglienza in occasione della sosta nel parco cittadino. L’assessore all’istruzione e allo sport Beppino Govetto ha rilevato la valenza dell’iniziativa, “occasione per sensibilizzare i ragazzi sull’importanza della mobilità sostenibile attraverso una giornata all’insegna del divertimento e dell’allegria ma anche della scoperta della bellezza del territorio”. “Una manifestazione fortemente voluta dalla nostra scuola – ha aggiunto il preside del Malignani, Andrea Carletti – che si snoda su un tracciato di complessivi 50 chilometri alla portata di tutti. Una pedalata che intendiamo confermare anche per le prossime annualità visti i positivi riscontri delle prime due edizioni, anche in termini di coinvolgimento di enti e associazioni locali”. Il presidente della Polisportiva Malignani Marco Michelutti ha ricordato le motivazioni della ciclo-ecologica, “divertirsi insieme in mezzo alla natura” anche testando percorsi per mountain bike, specialità in cui si è distinto un giovane allievo del Malignani, Michele Chiandussi campione italiano di ciclocross. Ha accolto con entusiasmo l’iniziativa l’assessore alla mobilità del Comune di Udine Enrico Pizza in quanto si colloca in perfetta sintonia con l’impegno delle istituzioni locali volte alla promozione della ciclabilità mediante interventi veri e propri per le due ruote come la realizzazioni di percorsi, la valorizzazione e promozione degli stessi per spostarsi in città e conoscere il territorio. Il professor Claudio Bardini, referente dei docenti di educazione fisica per l’Ufficio scolastico provinciale, ha messo in evidenza l’aspetto salutistico della pedalata, finalizzata a promuovere il benessere dei studenti oltre a rafforzare lo spirito di appartenenza al loro gruppo, alla loro scuola. Al fianco di “Studenti in sella 2” per sensibilizzare al dono del sangue e per promuovere stili di vita sani anche l’Afds Udine rappresentata dal presidente Renzo Peressoni. “Ben vengano iniziative che coinvolgano i giovani, favoriscano l’integrazione, costruiscano relazioni tenendo lontani almeno per un po’ i cellulari, favorendo così l’essere comunità” ha commentato il presidente dei donatori friulani esprimendo orgoglio per le tante sezioni Afds presenti nelle scuole ma allo stesso tempo manifestando preoccupazione per l’invecchiamento cui sta andando incontro il nostro territorio vista l’elevata percentuale di popolazione over 65 (320 mila) rispetto alla fascia 18-28 anni (47 mila).
Location della pedalata, l’ippovia del Cormôr da Udine (ritrovo nel parco cittadino alle 8.30 e partenza “alla francese” cioè a scaglioni tra le 9 e le 9.30) a Buia da dove, dopo il rinfresco avrà inizio il rientro al parco del Cormôr dove si svolgeranno le premiazioni e la festa finale; una cinquantina i chilometri da percorrere sulle due ruote con passaggi a Tavagnacco e Colloredo di Monte Albano, Urbignacco interpretando le parole di Albert Einstein scelte quale slogan della manifestazione: “La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l’equilibrio devi muoverti”. E gli organizzatori assicurano che non mancheranno le sorprese: al via, sono attese, infatti, biciclette particolarmente innovative frutto della creatività e dell’inventiva degli studenti. Originalità che verrà premiata dal comitato organizzatore che riserverà riconoscimenti alle prime 5 scuole con il maggior numero di iscritti, alle 3 scuole che parteciperanno con almeno 5 biciclette d’epoca, alla scuola con la bici più innovativa, e alle bici speciali. A tutti i partecipanti verrà consegnato un attestato di partecipazione. In caso di maltempo la manifestazione si terrà sabato 23 aprile. La quota di iscrizione è di 7 euro

1.019