Bearzi

Depot casa cavazzini
Inaugura il 6 maggio, in Casa Cavazzini a Udine, “Depot: esperienze di pittura in vitro”, una raccolta delle opere realizzate dai giovani pittori che hanno partecipato a “Painting Practices”, la residenza artistica ospitata dal 16 marzo al 16 aprile a Villa Gorgo di Nogaredo al Torre (Ud).
L’iniziativa, nata da un’idea di Andrea Bruciati e dell’associazione culturale “Guado dell’arciduca”, è stata realizzata grazie al sostegno dei Civici Musei di Udine e della concessionaria Autostar, affiancati da altri partner istituzionali e aziendali.
Per un mese 10 giovani artisti selezionati dai principali centri formativi d’Italia hanno lavorato fianco a fianco negli spazi della villa, un’antica dimora settecentesca circondata da un borgo storico, approfondendo lo studio della pratica pittorica attraverso il confronto reciproco e l’incontro con esperti e professionisti dell’arte. Ne sono usciti quasi duecento lavori, esposti al pubblico nelle due barchesse a partire dal 16 aprile. Una piccola selezione di questi, circa una ventina di opere, sarà ora trasferita a Udine, in Casa Cavazzini, dove resterà esposta fino al prossimo 15 giugno (orari: da martedì a domenica dalle 10.30 alle 19).
L’inaugurazione della mostra, aperta al pubblico, si svolgerà martedì 6 maggio alle ore 18 alla presenza dell’assessore alla cultura del Comune di Udine Federico Pirone e del direttore dei Civici Musei Marco Biscione.
“Siamo contenti di collaborare alla riuscita di questa iniziativa – spiega Pirone – secondo quelli che sono gli scopi istituzionali di un museo dedicato all’arte moderna e contemporanea, ovvero quello di cogliere e abbracciare i percorsi artistici più qualificati che provengono dal territorio permettendo allo stesso tempo di consolidare e promuovere le competenze di giovani e promettenti artisti”.
I lavori degli artisti derivano da una sperimentazione globale attorno al medium pittorico che ha mescolato, a volte anche nella stessa opera, linguaggi e tecniche diverse: dai temi astratti a quelli figurativi, dal disegno su carta, all’olio su tela, all’acrilico, alle tecniche miste, declinati su carta, cartoncino e tela. “La selezione che confluisce in “Depot” – spiega Bruciati – racconta un’esperienza di pittura dalle articolazioni produttive basate su linguaggi differenti ma animate dalle stesse necessità di espressione: lo spazio privato della famiglia Cavazzini si apre così ad una energia creativa in una fibrillazione, luogo ideale di esperienze pittoriche realizzate in vitro, ora aperte al confronto per un piacere condiviso”.
Prosegue intanto anche l’allestimento delle restanti opere a Villa Gorgo, con atelier visitabili fino al 18 maggio su appuntamento scrivendo a: [email protected]
Painting Practices ha ottenuto anche patrocinio di Provincia di Udine, Comune di Udine, Comune di San Vito al Torre e il sostegno delle aziende Pratic spa, Potocco spa, NT Nuove Tecnologie srl. Con la collaborazione promozionale di ArtVerona. Maggiori info su: paintingpractices.spaziocultura.org

facebook
636