Cultura: Zilli, Scriptorium Foroiuliense orgoglio artigianato Fvg

“A far risorgere un’arte dimenticata, la
ricercata calligrafia che usavano i monaci e gli scrivani del
Medioevo per ricopiare codici preziosi e tramandare fino a noi
capolavori altrimenti perduti, è lo Scriptorium Foroiuliense di
San Daniele, dove da anni opera una scuola per amanuensi di
successo: siamo orgogliosi di questa realtà che collabora con
istituzioni prestigiose e fa conoscere l’alto artigianato del
Friuli Venezia Giulia nel mondo”.

Lo ha rimarcato l’assessore regionale Barbara Zilli alla
cerimonia di consegna degli attestati di frequenza agli allievi e
di consegna dei riconoscimenti “La Penna d’Oro” della Scuola
Italiana Amanuensi – Scriptorium Foroiuliense.

Zilli, a cui è stato consegnato nell’occasione un attestato di
benemerenza, ha voluto rimarcare anche il grande lavoro di
volontariato svolto in questo periodo di emergenza per la
confezione di mascherine protettive da distribuire nelle case per
anziani della zona e a quanti erano impegnati nella cura di
ammalati.

“Utilizzando le abilità manuali degli associati, che hanno
assemblato a mano fin 500 mascherine al giorno, e in
collaborazione con una cartiera, questa realtà ha svolto un ruolo
encomiabile a favore della comunità”, ha commentato Zilli.

Lo Scriptorium è un’associazione culturale nata nel 2012, in cui
si organizzano corsi di scrittura antica: scrittura Onciale,
scrittura Gotica, scrittura Cancelleresca (Diplomatica) e
scrittura Beneventana, secondo l’antica arte degli amanuensi.

Accanto alla sede didattica, lo Scriptorium offre la possibilità
di poter visitare l’Opificium Librorum, per immergersi in una
fabbrica del libro medievale.

Lo Scriptorium Foroiuliense collabora con il Museo della Carta e
della Filigrana di Fabriano dove è presente con una sede
distaccata, con l’Arlef-Agenzia Regionale per la Lingua Friulana
e con la Scuola Mosaicisti del Friuli Venezia Giulia.
ARC/EP

Powered by WPeMatico

520