Bearzi

Delitto Lignano: chiesto ergastolo per Lisandra

Il pm Claudia Danelon ha chiesto la condanna all’ergastolo per Lisandra. Avrebbe fatto lo stesso per il fratello, Reiver, se la sua detenzione a Cuba non avesse portato allo stralcio della posizione. Secondo quanto si è appreso, visti i tempi lunghi dell’udienza di oggi, è presumibile che la sentenza sarà emessa la prossima settimana.

Per l’accusa è stata solo Lisandra a sferrare le coltellate mortali ai due coniugi mentre Reiver guardava ma non interveniva. Il colpo di scena, in aula, è arrivato nelle parole del pubblico ministero che ha ripercorso l’analisi fatta dai carabinieri del Ris di Parma, sulle macchie di sangue trovate nel bagno-lavanderia della villetta. Partendo dal presupposto che, come dichiarano entrambi i fratelli accusati dell’omicidio, prima dell’ omicidio Rosetta era seduta a terra, con la testa appoggiata al muro e le gambe sotto il lavandino, e Paolo era steso a terra nella posizione in cui è stato trovato, a colpire potrebbe essere stato soltanto una persona destrimane: Lisandra, dunque, secondo la Procura, essendo Reiver mancino. L’accusa lo colloca comunque sempre sulla scena del delitto, per tutta la durata dell’azione, quasi un’ora di percosse e torture sviluppatesi in più fasi. La requisitoria del pm Claudia Danelon è cominciata intorno alle 10 ed è terminata dopo oltre quattro ore e mezza, poco prima delle 15 con una richiesta di condanna all’ergastolo. Dopo una breve pausa, l’udienza è ripresa con le arringhe degli avvocati di parte civile, Stefano Trabalza, per il figlio delle vittime, Michele, in aula insieme con due zii, fratelli della mamma, Vinicio e Rino, e ai cugini, Margherita Marco e Samuele, assistiti dall’avvocato Maria Cristina Clementi. La parola passerà poi al legale Carlo Serbelloni, difensore dell’imputata, presente in aula. Sguardo basso, la giovane non ha pronunciato in aula neanche una parola

facebook
474