Bearzi

Fermare i licenziamenti e aprire un tavolo per un futuro alla Bob Martin

bobmartin_presidio-ts2

Fermare i licenziamenti e aprire immediatamente un tavolo per cercare di garantire un futuro alla Bob Martin. Questa le richiesta che la Flai-Cgil e la Fai-Cisl di Udine hanno portato oggi all’incontro tra Regione, sindacati e azienda, preceduto dal presidio di una quarantina di lavoratori giunti in pullman a Trieste, sotto la sede dell’assessorato alle Attività produttive. «Rappresentata dall’Associazione piccole e medie imprese – dichiarano i segretari provinciali Fabrizio Morocutti (Flai) e Claudia Sacilotto (Fai) – l’azienda ha ribadito la volontà di chiudere la sede di Udine, con il licenziamento immediato dei suoi 72 dipendenti. Per i quali, lo ricordiamo, la prospettiva non è neppure la mobilità, ma soltanto l’assegno di disoccupazione». Cgil e Cisl, nel confermare lo sciopero fino a domenica prossima e il presidio davanti allo stabilimento di via Sant’Osvaldo, si dichiarano «disponibili a discutere tutte le soluzioni che, scongiurando la chiusura immediata, possano favorire uno sbocco positivo della crisi». Da qui l’auspicio che la richiesta di una “moratoria” di un mese avanzata dalla Regione possa trovare un’accoglienza favorevole da parte della proprietà, ma anche un appello alla stessa Regione e alle associazioni imprenditoriali «a farsi parte attiva nella ricerca di investitori che possano rilanciare lo stabilimento friulano».

 

Cgil Fvg

 

 

facebook
1.028