Giro d’Italia in Friuli Venezia Giulia 2011. Le novità

bit1
Percorso del Crostis pronto al 95 per cento, villaggio e open village del Giro a quota 1300 metri: sono questi due degli elementi importanti delle tappe del prossimo Giro d’Italia in Friuli Venezia Giulia. Le ‘novita” sono state illustrate alla Bit di Milano da Enzo Cainero. Cainero si è voluto soffermare sul tragitto del monte Crostis, per il quale da tempo gli addetti ai lavori sono all’opera per sistemare il fondo stradale. “Dei 6,8 chilometri da mettere a punto – ha detto – il 95 per cento è già stato ripristinato. Quando poi la neve se ne andrà, metteremo mano al resto del percorso”. Quindi Cainero si è soffermato su uno dei nodi più problematici ossia la gestione della sicurezza preventiva degli atleti impegnati nell’attraversamento del monte. A tal proposito ha detto l’organizzatore di tappa – continuano ad essere frequenti i contatti con la Promotur, il corpo forestale, i comuni e la direzione lavori per terminare tutto in tempo utile. Quindi il ‘mito Zoncolan’, ricordato più volte anche nei giorni scorsi a Milano durante la fiera in occasione dell’iniziativa organizzata dalla Gazzetta dello Sport dedicato ai ritorni economici della manifestazione. Se ormai del tracciato si sa già tutto è la logistica la vera novità. “Rispetto al passato – ha ricordato Cainero – saranno ridotti in vetta i parcheggi e quindi potenziati i trasporti”. Altra novità l’allestimento dell’Open Village della Gazzetta, che troverà posto a quota 1300 metri, iniziativa in collaborazione con il Comune di Sutrio. Infine il sipario sul Giro si alzerà il 25 marzo con il primo degli eventi collaterali in provincia di Pordenone con la serata dedicata a Pantani e alle realtà sportive della destra Tagliamento.

Fonte: ANSA

705