Tavagnacco soffre, ma conquista la vittoria

bonetti

Un ottimo Venezia si arrende al 92’. Decide il sinistro di Tatiana Bonetti
La Graphistudio trova tre punti fondamentali al termine di un incontro tutt’altro che spettacolare e deciso al 47’ del st. da un siluro di Bonetti che manda al tappeto un ottimo Venezia. Il Veneziane si sono dimostrate avversario degnissimo ed avrebbero meritato qualcosa in più. Le ospiti partono subito bene e collezionano la prima conclusione a rete dopo soli 2’: è Ranzolin a tentare dalla lunga distanza senza inquadrare la porta. La risposta del Tavagnacco sta tutta nel tiro di Camporese che trova la pronta risposta di Penzo. Partita equilibrata ma Venezia determinato e pericoloso per buna parte della prima frazione di gioco. Al 18’ la palla gol capita sui piedi di Mauro che anticipa l’uscita di Penzo senza trovare la porta avversaria. Un minuto dopo la Graphistudio passa: discesa sulla fascia di Rodella che crossa lungo trovando l’incrocio dei pali. Nonostante il vantaggio le padrone di casa non riescono a conquistare metri a centrocampo ed il Venezia continua a farsi preferire con incursioni sempre pericolose di Lotto e Capovilla. Al 33’ Bonassi è chiamata in causa da un tiro dalla distanza di Ranzolin: il numero uno di casa si distende sulla destra e blocca la sfera. Al 37’ Camporese non sfrutta l’assist di Brumana a centro area e mette la sfera oltre la traversa. I primo tempo si chiude con il Tavagnacco avanti 1-0.
Squadre nuovamente in campo con gli stessi effettivi della prima frazione di gioco e Tavagnacco pericoloso dopo sette minuti: azione tambureggiante di Camporese che vede il proprio sinistro a colpo sicuro infrangersi sul corpo di Turra che mette in corner. Lo scampato pericolo galvanizza le veneziane che si propongono costantemente nella metà campo friulana. La Graphistudio esce da guscio al 77’ con Brumana che si invola verso Penzo ma trova la deviazione miracolosa del numero uno avversario. E’ l’ultimo acuto delle friulane che da lì in poi soffrono la veemenza fisica delle avversarie. Il Venezia ci prova in tutti i modi e trova il meritato pareggio sugli sviluppi di una punizione dalla distanza di Turra che s’infila sotto la traversa per l’esultanza del numeroso pubblico arancioneroverde. Sembra ormai fatta anche perché il Tavagnacco, in dieci per l’espulsione della Di Filippo proprio in occasione della punizione vincente di Turra, sembra aver smarrito la necessaria lucidità. Invece dal cilindro della Graphistudio sbuca il sinistro vincente di Bonetti che, dopo aver centrato il palo, mette dentro il 2-1 che vale la terza vittoria consecutiva e il primato in classifica generale.

Fonte: Marco Piva
Foto: Pierpaolo Gianfreda

camporese

rodella

GRAPHISTUDIO TAVAGNACCO – VENEZIA 1984 2-1 (1-0)
RETE: 19’ Rodella, 87’ Turra, 92’ Bonetti.
GRAPHISTUDIO TAVAGNACCO: Bonassi, Stabile, Rodella (77’ Donà), Martinelli, Bissoli, Tommasella, Brumana, Zorri, Mauro (64’ Bonetti), Di Filippo, Camporese. All. Bearzi.
VENEZIA 1984: Penzo, Squizzato, Cassanelli, Lotto, Turra, Laterza, Galvan, Capovilla, Mason (73’ Bortot), Ranzolin, Bittante (85’ Chinello). All. Ranzolin.
ARBITRO: Zandonato di Vicenza (Prest, Lipizer)
AMMONIZIONI: 62’ Di Filippo, 69’ Mason, 73’ Tommasella, 85’ Galvan.
ESPUSLIONI:87’ Di Filippo per doppia ammonizione.

Marco Piva

691