Udinese: Guidolin, “La sorpresa? Riflessioni che farò a fine stagione in serenità con la società. Merkel è una mezzala”

guidolin genoaPrimo  gennaio di lavoro per i giocatori e lo staff dell’Udinese che stanno preparando la partita del 6 gennaio (ore 12:30) contro l’Inter.

BILANCIO: non siamo la delusione dell’inizio anno. il 2012 è stato fantastico chiaramente i primi sei sette mesi sono stati fantastici. Abbiamo avuto le nostre delusioni come il preliminare però noi conosciamo la nostra dimensione. Le due stagioni appena passate sono fuori dall’ordinario adesso siamo nella dimensione più propria a questa società. Comunque penso che possiamo fare meglio di quanto fatto nel girone di andata

PROPOSITI: spero di riuscire a fare meglio e credo sia nelle nostre possibilità. Andiamo avanti partita dopo partita. I conti li faremo alla fine senza illudere nessuno e buttare fumo negli occhi alla gente. Sono convinto di avere un gruppo che può fare un buon girone di ritorno

SORPRESA: la sorpresina è che nel mese di gennaio se tutto va bene son a 500 panchine della serie A, ci pensavo da tanto tempo. Il fatto di esserci così vicino mi fa un grande piacere e ho scoperto, ed è questa la sorpresina, che la maggior parte le ho fatte con l’Udinese. Chiaro che quando si arriva a tante panchine normale che si possano fare delle riflessioni. Bando a tutte le voci, sono carico.

TATTICA: sto valutando se potremo giocare con un altro modulo per vedere se potremo affrontare i maniera diversa le prossime partite

INTER: riprendiamo contro una squadra forte, di grande rango, di grandissima qualità. Dobbiamo tirare fuori tutte le energie che servono per fare una grande prestazione

MERCATO: del mercato non parlo pubblicamente. Ci siamo parlati vedremo che succederà. Merkel è molto giovane, tutti ne parlano bene dal punto di vista delle qualità. E’ una mezzala

MURIEL-DI NATALE: è una possibilità che si era creata col mercato di luglio che non abbiamo potuto verificare per via dell’infortunio di Muriel. Adesso è compito di tutti vedere se e come possono giocare insieme diversissimi ma dotati di grandi qualità, L’idea di avere due così è una bella idea. Adesso dobbiamo concretizzarla e fare sì che ci sia equilibrio intorno

DI NATALE #1: Totò può puntare ai 200 gol in serie A. Facendo le cose passo dopo passo. Oltre alla classe ha qualità fisiche eccezionali e quindi potrebbe ripetersi nel 2013 come nel 2012; ovviamente dipende anche dalla squadra. Fisicamente è ancora giovane e gli ho detto che deve puntare a fare 200 gol che è un traguardo che è alla sua portata. Lui fa finta di niente ma secondo me ci pensa

DI NATALE #2: non so se può arrivare a 40 anni come vuole fare Totti, ma il suo fisico è più giovane della sua carta d’identità. Auguriamoci che sia così per i prossimi anni

449